Lo zoo di Torino nel Parco Michelotti (dal 20/10/1955 al 31/3/1987)

Chi non ricorda lo zoo di Torino (apertura 20/10/1955 – chiusura 31/3/1987) nel Parco Michelotti?
… se vuoi fare un tuffo nei ricordi, guarda questo video che ho fatto partendo da miei filmati 35mm  …

ScreenHunter_01 Jan. 17 18.22

Lo zoo di Torino – 1965

Se poi vuoi avere ulteriori informazioni sullo zoo di Torino guarda i seguenti link, di cui riporto alcune parti interessanti affinchè non vadano perse:

P.S. 2016 – Purtroppo il link seguente e tutte le foto ivi presenti (a cui avevo effettuato il link senza scaricarle) non sono più raggiungibili … se qualcuno le ritrova me lo comunichi!! :-/

http://www.archi2.polito.it/mostre/01/01_venturelli/giard%20zoo.html

Se poi vuoi vedere alcune foto che ho fatto il 19/4/2013 che mostrano chiaramente lo stato di degrado del parco, guarda in fondo a questo post!!

==============================================================
Nel dicembre 1950 viene presentato al Consiglio Comunale il progetto dell’Ing. Manfredi per un Giardino Zoologico al Valentino , ampliato e accompagnato da un plastico degli impianti.
In un primo tempo erano state individuate come aree da utilizzarsi per l’impianto dello Zoo il nuovo parco della Pellerina e poi il Parco pubblico Leone Ginzburg . A quest’ultimo progetto si era opposta la Soprintendenza ai Monumenti per il Piemonte.
La scelta del vicino Parco Michelotti, “silenzioso e un tantino malinconico”, viene ritenuta più consona in quanto l’occupazione di tale area da parte del Giardino zoologico, scontenterebbe, con tutta probabilità, solamente il ristrettissimo numero dei frequentatori della zona.
Il 25 febbraio 1955 la Giunta comunale delibera di concedere per trent’anni alla Società Molinar la zona del Parco Michelotti.
Il Consiglio comunale, in data 8 marzo 1955, approva la delibera della Giunta concedendo, per il costruendo Zoo, circa 24.500 mq del parco, dalla diga sul Po fino all’altezza del “Teatro Parco Michelotti”, senza però oltrepassare, a monte, il viale che fiancheggia Corso Casale.
Si realizza così a Torino la vecchia idea, sia dei Terni che dei fratelli Molinar: un Giardino zoologico associato a un deposito di transito.
I lavori per la costruzione dello Zoo procedono alacremente in vista della sua inaugurazione, prevista nel mese di luglio. Il primo degli ingressi, quello principale, si aprirà all’altezza di via Romani; il secondo a fianco del teatro. Anche dall’esterno il passante potrà dare uno sguardo allo zoo, poichè esso non sarà circondato da alcun muro di cinta, bensì da una recinzione di rete metallica.
Sono stati predisposti i lavori per la costruzione di un grande fabbricato comprendente otto vaste gabbie suddivise in zone riscaldate e all’aperto per i felini , alto quattro metri e sormontato da coni di vetro-cemento per favorire l’illuminazione naturale e dotati, alla cima, di un sistema di aerazione; sono in allestimento 12 gabbie per scimmie e piccoli mammiferi , anch’esse doppie. E’ stata scavata un’isola per i giochi delle scimmie attrezzandola con altalene e ruote e, con la terra di riporto di questo e altri scavi, si è creata una collinetta che , guarnita sulla cresta di spuntoni di roccia affioranti, diventerà un’oasi adatta per accogliervi animali di montagna.
Il 20 ottobre del 1955 si può procedere all’inaugurazione ufficiale.
Il 5 settembre 1956, la Società Molinar invia una lettera ufficiale al Sindaco per informarlo di un nuovo progetto per la sistemazione definitiva del Giardino . Risulta nuova la proposta di far acquistare al Municipio, oltre al Teatro e all’annessa birreria, che verrebbe mantenuta ad esclusione della pista da ballo, anche l’unità immobiliare al momento occupata dall’Associazione Macellai. Il progetto della Molinar prevede la totale trasformazione di quest’ultimo fabbricato. Una parte dei locali dovrebbe infatti venire riattata per allestirvi un acquario-rettilario; la restante parte sarebbe destinata a biblioteca, sala di lettura e aula per conferenze.
Il 20 marzo iniziano le opere perla costruzione del secondo lotto dello Zoo . Le opere da realizzare sono: un laghetto-stagno con acqua corrente, isolotti sabbiosi e qualche angolo erboso con ciuffi di canne; una costruzione , su modello di analoghe strutture straniere, che d ovrà ospitare da un lato le giraffe , con un ampio ricovero stalla e dall’altro lato gli elefanti pure con un grande ricovero stalla. A lato di ogni ricovero sorge un magazzino per deposito e all’esterno sono predisposti due vasti piazzali. Nella parte posteriore della Casa è ricavata un’ampia voliera.
Il 29 gennaio 1958 la Società Molinar trasmette all’esame del Sindaco un progetto di massima e le relative spese per la costruzione di un Acquario-Rettilario al parco Michelotti.
Il progetto viene affidato all’Arch. Enzo Venturelli . La pianta del complesso ha la forma di una T, il piano dell’Acquario risulta ribassato di circa due metri rispetto al piano esterno del terreno, mentre il piano del Rettilario è rialzato di circa due metri.
Il 28 maggio1960 viene inaugurato l’Acquario-Rettilario.
Nel novembre 1961 viene inoltrata la richiesta ufficiale della Società Molinar al Sindaco per il finanziamento dell’intero progetto riguardante le due case ancora mancanti: quella dei pachidermi, ippopotami e rinoceronti, e quella dei Felidi, leoni e tigri.
Alla fine degli anni Sessanta inizia una campagna di critica nei riguardi dell’organizzazione e metodologia dei giardini zoologici.
Il 30 luglio 1986 la concessione alla ditta Molinar è prorogata nonostante le molte polemiche fino al 31 marzo 1987.
Il 18 febbraio 1987 il Consiglio Comunale approva la chiusura dello zoo per il 31 marzo e la costituzione di un collegio di esperti per la realizzazione di una struttura di osservazione e di ricerca sul fiume e per il riassetto e la riqualificazione del parco Michelotti.
Il 1 aprile lo zoo chiude definitivamente.
In dicembre la giunta con delibera d’urgenza dà al Politecnico di Torino (prof. Luciano Re del dipartimento Casa Città) l’ incarico di allestire una documentazione sulla “formazione, consistenza, suscettibilità di riqualificazione dei caratteri architettonici ed ambientali del Parco Michelotti e di aree annesse all’ ex canale”. Si susseguono numerose ipotesi.
Dopo la chiusura dello zoo nel marzo 1987 l’ area all’ interno della recinzione è chiusa al pubblico e solo parzialmente utilizzata: la zona centrale ospita gli animali rimasti, la parte verso la Gran Madre è scuola di giardinaggio per i ragazzi di una cooperativa, la zona vicino al ponte Regina Margherita è occupata dalla bocciofila e in parte recuperata a parco e chiusa.
Nell’estate 1991 il parco è stato “palcoscenico di intrattenimento” per il pubblico della città: piano bar, ristorante, spettacoli teatrali, sfilate di moda hanno richiamato un folto pubblico.
La circoscrizione 8 il 25 giugno 1991 in un’assemblea aperta nella biblioteca Geisser ha discusso le prospettive di utilizzo del parco e la richiesta, con la raccolta di firme, della riapertura immediata della parte chiusa al pubblico e delle trasformazioni, della manutenzione e della sicurezza dei vari impianti.
La delibera programmatica del 1988 con il progetto preliminare al Piano Regolatore di Torino del 1991 dà una notevole importanza alla “Valle del Po” prospettando possibili e consistenti trasformazioni.
Sono previsti due nuovi ponti sul Po: uno corrispondente al sottopasso del Lingotto, l’altro in proseguimento di corso San Maurizio per escludere il ponte della Gran Madre dal traffico veicolare. Il parco del Po diventa una grande area per lo svago con attrezzature ricettive agli estremi, attrezzature sportive e nautiche diffuse, luoghi di sosta e di ristoro. Il fiume diventa navigabile grazie a due chiuse in tutta la sua estensione.

http://www.archi2.polito.it/mostre/01/01_venturelli/acqua.html
La pianta ha forma di T e la superficie coperta è di mq 980. Il piano dell’Acquario risulta ribassato di circa due metri rispetto al piano esterno del terreno, mentre il piano del Rettilario è rialzato di circa due metri. Il fabbricato misura m 22,60 di larghezza e m 49,80 di lunghezza. La fonte principale dell’edificio (rivolta verso l’interno dello Zoo) è alta m 7 e raggiunge, col bordo superiore della pensilina a sbalzo inclinata verso l’alto, m 9,50. Nella facciata vi è una grande vetrata continua, con serramenti di “anticorodal”, delimitata da una incorniciatura rivestita di ghiaia grezza. Superiormente alla vetrata vi è una serie di dentellature con funzione di frangisole che, con la pensilina e la vetrata continua di accesso, formano l’elemento architettonico dominante.

Dall’atrio partono tre rampe di scale, delle quali una, centrale, scende al piano dell’Acquario e due, laterali, salgono al piano del Rettilario. Nel piano Acquario sono disposte dieci grandi vasche e cinque grandi reparti biologici, con la riproduzione degli ambienti naturali terracquei del Mediterraneo, dell’Indonesia e del Congo, ottenuti per mezzo di rocce naturali, terra e trapianto di vegetazione proveniente dai paesi d’origine. I primi due reparti (uno marino e l’altro fluviale equatoriale) sono sistemati, uno per lato, all’ingresso del piano dell’Acquario, seguiti dalle dieci vasche, cinque per lato, metà ad acqua marina e metà ad acqua dolce e da altri due reparti biologici (ancora fluviali-tropicali): il terzo, al fondo della sala è a paesaggio alpestre, per le trote. I reparti biologici hanno dimensioni di circa m 9 * 8 con un’altezza di m 6 dal pelo dell’acqua.

L’apertura di esposizione verso il pubblico è costituita da grandi pareti vetrate dietro alle quali, a distanza di circa 30 cm saranno posti i lastroni di cristallo di 4 cm di spessore per il contenimento dell’acqua. L’acqua è riscaldata con speciali pannelli radianti in acciaio inossidabile opportunamente mascherati; l’aria dell’ambiente è condizionata in base alle temperature dei vari climi. L’illuminazione riproduce la luce solare, l’alba e il crepuscolo. L’acqua marina viene recuperata con la continua filtrazione, mentre quella dolce con un patricolare impianto idraulico, è smaltita senza riciclo, data la grande disponibilità d’acqua nello Zoo. Per eliminare l’acqua di condensa sulle grandi vetrate è stato previsto un dispositivo affinchè queste risultino sempre terse e trasparenti. Al piano Rettilario sono disposti dodici reparti dalle dimensioni di m 1,5 * 1,35 e altri quattro di m 2,80 * 1,50, il tutto posto sui due lati. Il pavimento di questi reparti è sopraelevato di m 0,90.

Il riscaldamento per tutte le specie dei paesi caldi è provvisto mediante pannelli radianti collocati sotto il pavimento. Sopra i vari reparti dei Rettili vi è un grande lucernario continuo con comando elettrico delle aperture per il passaggio dei raggi solari durante i periodi estivi. Al centro del piano è disposto un grande reparto adibito a “coccodrillario”, il cui solaio si appoggia lateralmente alle piastrellature e agli architravi degli acquari sottostanti: il sovraccarico raggiunge i 2000 kg/mq dato che la camera è costituita da una vasca per acqua alta 80 cm, e superiore carico di rocce, terra e vegetazione. Oggi l’edificio presenta chiari segni di degrado dovuti all’abbandono e alla nuova funzione di teatro dinamico all’interno di Esperimenta. Sono previsti interventi di recupero e manutenzione da parte del Comune di Torino al fine di crearvi all’interno un teatro.

…MODELLINO 3D…
Veduta aerea
Veduta prospettica
Prospetto anteriore
Casa del custode

Veduta prospettica

Prospetto posteriore

http://it.wikipedia.org/wiki/Enzo_Venturelli

220px-Rettilario_ex_zoo_torino_001
http://it.wikipedia.org/wiki/Borgo_Po#Cenni_storici
Agli inizi del XX secolo la nascente industria cinematografica (che in Italia ha avuto origine a Torino) trovò la sua collocazione proprio in Borgo Po, nella zona dell’attuale via Asti. Per i film in costume si tenevano le bestie feroci ed era consueto, nel silenzio della notte, udire il barrito dell’elefante e il ruggito del leone. Poi pian piano tutto è andato a Roma e il quartiere è diventato sempre più residenziale e lussuoso, anche se oggi sopravvivono ancora alcune aziende che operano con grande silenzio e discrezione. Gli animali tornarono dopo la seconda guerra mondiale con la costruzione dello zoo Michelotti, oggi chiuso e trasformato in un parco lungo fiume, per via della mutata sensibilità popolare nei riguardi degli animali.

http://www.archi2.polito.it/mostre/01/01_venturelli/giard%20vita.html

http://www.comune.torino.it/verdepubblico/patrimonioverde/curaverde/parcodellozoo.shtml

https://samuseum.wordpress.com/il-parco-michelotti

http://www.facebook.com/pages/Ex-Zoo-di-Torino/222357301107756

In un interessante post (Il giardino zoologico di Torino) de “La bottega del ciabattino“, dove sono anche presenti alcune foto del vecchio zoo, vengono riportate le seguenti note di stampa (che riporto nel seguito affinché non vadano perse):

Dopo la decisione presa dal Comune. Si cerca un giardino per la sede dello Zoo.  Il parere del soprintendente ai Monumenti e alle Belle Arti: non guastare il panorama caratteristico del Monte dei Cappuccini.  Non v’è dubbio che una delle decisioni più simpatiche e popolari prese di recente dall’amministrazione civica sia stata quella di dotare Torino d’un giardino zoologico, accettando una nota proposta privata. Cosi poco pittoresca è la vita contemporanea in una grande città, così tediose e monotone sono le giornate malgrado il tumulto delle cose e dei casi straordinari — anzi, proprio per questo, perché nulla v’è di più malinconico del non potersi più stupire, nel male e nel bene —, che l’idea degli elefanti e delle tigri, degli orsi e dei pitoni, delle scimmie e dei marabù sulle rive del Po, ridestò in tutti, grandi e piccini, fantasie liete, colorite di esotismo. Benvenute dunque le belve, quando giungeranno in questa nordica e nebbiosa Torino.

(La Nuova Stampa, 15 gennaio 1955)

Nel dicembre 1950 viene presentato al Consiglio Comunale il progetto dell’Ing. Manfredi per un giardino zoologico al Valentino, ampliato e accompagnato da un plastico degli impianti. In un primo tempo erano state individuate come aree da utilizzarsi per l’impianto dello zoo il nuovo parco della Pellerina e poi il parco pubblico Leone Ginzburg . A quest’ultimo progetto si era opposta la Soprintendenza ai Monumenti per il Piemonte, a causa della vicinaza col Monte dei Cappuccini e della Gran Madre, venne scelto quindi il vicino Parco Michelotti, più defilato e meno frequentato dalla borghesia torinese. L’idea del giardino zoologico, venne ai fratelli Arduino e Sandro Terni, cacciatori e grandi esperti di animali. I Terni, avevano rilevato il negozio di animali dei fratelli Molinar (grandi cacciatori di animali feroci) in piazza Castello e nutrivano adesso questo grandioso progetto.

Fra meno di un mese cacciatori ed esperti partiranno da Torino per i quattro angoli del mondo. Primo fra tutti, come è naturale, sarà Arduino Terni, l’uomo che da parecchi lustri vive cercando e allevando, con l’amore del collezionista, animali di ogni latitudine ed è stato uno dei migliori collaboratori dei fratelli Molinar nel nome da quali continua a lavorare.< Non posso dirvi nulla per ora dello Zoo di Torino — ci ha detto stamane nel suo ufficio di via Goldoni — una cosa è certa: sarà fra i più belli e quasi certamente uno dei più moderni d’Europa. Poche gabbie, molta libertà per gli animali: questo è il nostro motto. Terni sta preparando qualche grossa sorpresa per lo zoo di Torino. Fra pochissimo tempo andrà in Birmania a raggiungere il figlio Sandro diciottenne, partito anch’egli alla caccia di elefanti.  Oltre ai grossi pachidermi arriveranno sulle rive dei Po dall’Oriente tigri malesiane, orsi, serpenti dalle lunghe schiene striate. E, forse, il rinoceronte indiano.   (La Nuova Stampa, 2 marzo 1955)

Il 20 ottobre 1955 alla presenza del Sindaco Avv.Peyron, il giardino zoologico viene inaugurato

Un articolo della Stampa datato 29 gennaio 1971, dal titolo: “I leoni se ne vanno” dice: “Lo zoo del Parco Michelotti ospita attualmente 117 mammiferi, 739 uccelli, 114 rettili e 1353 pesci su una superficie quadrata di 50.000 metri. Uno zoo medio ormai insufficiente per una metropoli quale vuole essere Torino. Per questo il sindaco si è preoccupato di trovare una nuova sistemazione nel parco di Stupinigi. Qui sarà possibile aumentare il numero degli animali con nuove specie e creare un moderno parco zoologico in cui siano abolite le sbarre e gli animali possano vivere in un ambiente naturale e non più completamente ricostruito. E’ un nuovo orientamento già adottato in alcune capitali europee, più piacevole per i visitatori che possono unire alla visita l’occasione per una scampagnata. Ci sarà anche, sia pure in miniatura, la possibilità di un safari fotografico. Un progetto in questo senso è già stato preparato e verrà consegnato nei prossimi giorni ai competenti uffici comunali.

Non se ne fece nulla e il 22 marzo 1987 sempre il quotidiano torinese scrive: Rimangono 6 giorni alla chiusura dello zoo che era stato aperto 31 anni fa (1955): dice il direttore: ‘Ricordo quando, il 20 ottobre 1955, i giornali con orgoglio lo chiamavano La città zoologica e lodavano il progetto avveniristico dell’ing. Gabriele Manfredi.

__________________________

Dal sito degli archivi dei musei di Torino:

Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
ACQUARIO RETTILARIO
Parco Michelotti

Edificio a due piani per acquario rettilario allo Zoo.
Segnalazione di edificio di interesse documentario, rilevante esempio di architettura per la specifica destinazione, di spiccata connotazione formale e spaziale, singolare testimonianza neoespressionista.
Su progetto di Ezio Venturelli del 1959.

« L’Architettura – Cronache e Storia », 1961, n. 66.
Tavola: 50

http://samuseum.wordpress.com/il-parco-michelotti

 

 

=======================================================

Alcune foto che ho fatto il 19/4/2013, ore 11:30, dai cancelli chiusi del parco Michelotti  che mostrano chiaramente il suo stato attuale di degrado … sebbene almeno dei murales rallegrino un po’ la desolazione in cui versa!

WP_20130511_016

WP_20130419_028

WP_20130419_027

WP_20130419_019WP_20130511_006 WP_20130511_007

WP_20130419_017

WP_20130419_016WP_20130511_008 WP_20130511_009 WP_20130511_010 WP_20130511_011 WP_20130511_012

WP_20130511_003

WP_20130511_004

WP_20130419_018

WP_20130511_005WP_20130511_013 WP_20130511_014 WP_20130511_015

WP_20130419_015 WP_20130419_021WP_20130419_022       WP_20130419_024WP_20130419_025

WP_20130511_001WP_20130419_023

 

============================

Ti consiglio inoltre di vedere i seguenti link che forniscono informazioni sullo zoo dei Torino:

  • Once upon a Time a Zoo – C’era una volta uno Zoo – Torino 1980
  • Foto d’epoca sullo zoo nella seguente pagina di facebook : Italiani, Vecchie Foto della Nostra Storia
  • Wikipedia Enzo Venturelli
  • post di Bardung
  • Città di Torino: Parco Michelotti – Ex Giardino Zoologico Torino, corso Casale
  • Tesi di laurea Politecnico di Torino, 2. Facoltà di architettura, Corso di laurea in architettura, aa 2011/12: Dal Giardino zoologico al Parco botanico : un’idea per Torino / Luca Manzone, Marco Menato ; rel. Riccardo Bedrone  (Bib. centr. Architettura) :
    “Il Parco Michelotti di Torino senza dubbio è stato e tuttora si può considerare una grande risorsa. Nei decenni ha assunto numerose funzioni. Comincia ad acquistare importanza quando, non ancora intitolato all’lngegner Ignazio Michelotti, grazie proprio all’opera idraulica di quest’ultimo, è attraversato da un canale utile al funzionamento di alcuni mulini ed opifici presenti sul fronte del Po fino alla chiesa della Madonna del Pilone. Chiuso il Canale Michelotti, negli anni ’30 del Novecento, comincia una nuova vita per questa “striscia di verde” al margine della collina torinese.Viene trasformato in Zoo, il celebre giardino intitolato ai fratelli Molinar inaugurato nel 1955. Si tratta di uno dei primi e meglio riusciti parchi zoologici cittadini in Italia, insieme a quello di Milano.Dopo circa trent’anni, precisamente nel 1987, viene chiuso lo zoo in seguito a polemiche da parte degli animalisti e dei residenti del quartiere di Borgo Po. Da quell’anno il Parco assume la funzione di giardino pubblico nel vero senso della parola. Viene lasciato in gestione a numerose cooperative che negli anni si succedono. Si differenziano in base alla destinazione d’uso della varie parti del parco. Diventa parco giochi per i bambini, ospita concerti, mostre ed eventi estivi caratterizzati da una grande ricettività. In tempi recenti, fino al 2005, ha ospitato Experimenta, una mostra interattiva già svolta per diversi anni nell’edificio di Villa Gualino sulla collina torinese. Ciò che sarebbe opportuno studiare è una completa riqualificazione dell’area del parco. Quello che si può notare nello stato attuale è una notevole frammentazione accompagnata da un parziale o pressoché totale abbandono delle strutture che ospitavano gli animali ai tempi del Giardino Zoologico. Un esempio emblematico è l’edificio sede dell’acquario-rettilario progettato dall’Architetto Enzo Venturelli. Si tratta di una costruzione dalle forme ardite, che richiamano le fattezze di un rettile che accoglie i visitatori spalancando le fauci. Probabilmente si può definire l’unica costruzione di valore architettonico all’interno di tutto il parco. Attualmente giace mutilato della sua parte terminale, forse una superfetazione che ospitava l’appartamento del custode. E’ in concessione alla Fondazione Teatro Piemonte Europa (T.P.E.) la quale prevede di ricavarci la sua sede e due sale teatrali. Tuttavia ciò che si può notare è una situazione statica a livello di progetti di riqualificazione e nuove costruzioni. La frammentazione delle gestioni che insistono sulle varie parti del parco ha creato dispersione di funzioni. La finalità sarebbe quella di unificare le destinazioni del parco, evitando la segmentazione che attualmente si presenta, creare una connessione col fiume e col Corso Casale, ridando nuova vita ad un giardino pubblico centrale, caratterizzato da grandi potenzialità e preesistenze. 

    Introduzione

    1. Inquadramento storico

    1.1 La Storia

    1.2 La Storia attraverso i quotidiani

    1.3 Gli edifici dell’ex Giardino Zoologico

    1.3.1 L’Acquario-Rettilario

    1.3.2 La casa della giraffa

    1.3.3 La casa dei felidi

    1.3.4 La Biblioteca Civica “A. Geisser”

    1.4 Cartografia storica

    2. Inquadramento territoriale

    2.1 Localizzazione dell’area

    2.2 Analisi delle Opportunità (SWOT)

    3. Analisi fisica e sociale

    3.1 Landmark

    3.2 Densità fisica e sociale

    3.3 Fuochi d’interesse

    3.4 Leggibilità e complessità

    3.5 Sicurezza e insicurezza

    3.6 Le regioni

    3.7 I confini

    3.8 I percorsi

    3.9 I mezzi pubblici

    4. Spunti progettuali

    4.1 Parchi fluviali

    4.1.1 Mangfallpark Rosenheim

    4.1.2 Europacity Berlino

    4.1.3 German Horticultural Show

    4.1.4 Madrid Rio

    4.1.5 Embankments of Drava river (1)

    4.1.6 Embankments of Drava river (2)

    4.2 Orti Botanici

    4.3 Le serre negli orti botanici

    4.3.1 Kew Gardens

    4.3.2 Orto botanico di Berlino

    4.3.3 Orto botanico di San Pietroburgo

    4.3.4 Orto botanico di Copenhagen

    4.3.5 Orto botanico di Torino

    4.4 Il clima e l’ambiente

    4.4.1 Biosfera

    4.4.2 Bioma

    4.4.3 Ecozona

    4.4.4 Ecoregione

    4.4.5 Ecosistema

    4.4.6 Habitat

    4.5 Le biosfere

    4.5.1 Biosfera 2

    4.5.2 Montreal Biodome

    4.5.3 Muttart Conservatory

    4.6 La forma – La cupola geodetica

    4.7 La cupola geodetica nelle serre

    4.7.1 Eden Project

    4.7.2 Academy of Science

    4.7.3 Biosfera di Genova

    4.7.4 Mitchell Park Conservatory

    4.7.5 Saint Petersburg Zoological Park

    5. Analisi floristica dell’esistente

    6. Progetti e concorsi al Parco Michelotti

    6.1 Experimenta

    6.2 Parco Giò

    6.3 Il concorso “La Città, il Fiume, la Collina”

    7. Il progetto

    7.1 Descrizione del progetto

    7.2 Le manifestazioni florovivaistiche

    8. Analisi floristica in progetto

    8.1 Classificazione dei climi di Koppen

    8.2 Clima tropicale

    8.2.1 La foresta tropicale di Sumatra

    8.3 Clima arido

    8.3.1 Il deserto del Mojave e di Sonora

    8.4 Clima temperato

    8.4.1 I cinque ecosistemi mediterranei

    8.4.2 La macchia mediterranea

    8.4.3 Il Chaparral californiano

    8.4.4 Il Fynbos sudafricano

    8.4.5 Il Matorral cileno

    8.4.6 Il Mallee australiano

    8.5 Clima boreale e clima nivale

    8.5.1 Dalla Taiga alla Tundra in Canada

    8.6 Il frutteto tropicale

    Conclusioni

    Bibliografia

    Riferimenti sulla Città di Torino e sull’ex Giardino Zoologico:

    M. ABRATE, Torino città viva: da capitale a metropoli, 1880-1980, Centro Studi Piemontesi, Torino, 1980;

    A. MAGNAGHI, M. MONGE, L. RE, Guida all’architettura di Torino, Umberto Allemandi, Torino, 1982;

    G. MASCHIETTI, M. MUTI, Giardini Zoologici. Vicende storico-politiche degli zoo torinesi (1951-1989), Umberto Allemandi, Torino, 1990;

    G. GIUDICI, Parco Michelotti: dallo zoo all’osservatorio naturalistico. Problemi di riqualificazione funzionale e fisica del patrimonio edilizio, Rel. L. Re, Tesi di laurea, Torino, 1991;

    C. GRANCE, Torino Verde, gli alberi e la città, L’Arciere, Cuneo, 1992;

    M. MARCHIANDO PACCHIOLA, Enzo Venturelli: un architetto torinese, opere 1945-1986 architettura e pittura, Giuseppini, Pinerolo, 1992;

    V. COMOLI MANDRACCI, La capitale per uno Stato. Torino. Studi di storia urbanistica, CELID, Torino, 1998;

    M. PARENTI, A. MISTRANGELO, Enzo Venturelli architetto, Edizioni dell’Orso, Torino, 1999;

    D. GARRONE, Mostrare i rettili: tra finzione e realtà nell’ex zoo di Torino, Rel. M. Vaudetti, Tesi di laurea, Torino, 2002;

    A. VIGNA SUIRA, Analisi e riabilitazione strutturale del rettilario dello zoo di Torino, Rel. G. Del Col, Tesi di laurea, Torino, 2002;

    R. PERULLI, Parco Michelotti : nuovi spazi per il museo del fiume, Rel. Giacomo Donato, Tesi di laurea, Torino, 2003;

    E. OPPICI, La comunicazione museale : caso studio di un museo dell’acqua nel parco ex-zoo a Torino, Rel. V. Minucciani, Tesi di laurea, Torino, 2003;

    A. BALDI, S. BERTERO, Recupero funzionale di Parco Michelotti : un’architettura ipogea perla didattica e lo svago, Rel. O. Lori Gentile, Tesi di laurea, Torino, 2005;

    M. GERBINO, Architettura e sostenibilità : progetto di biblioteca presso il parco Michelotti in Torino, confronto tra soluzioni tecnologiche tradizionali ed ecosostenibili, Rel. C. Ostorero, Tesi di laurea, Torino, 2007;

    DIVISIONE INFRASTRUTTURE E MOBILITÀ DELLA CITTÀ DI TORINO (a cura di), La città, il fiume e la collina. Concorso internazionale di idee, Città di Torino, Torino, 2008;

    Riferimenti sulle serre e sugli orti botanici:

    J. HIX, The Glass House, Phaidon Press, London, 1974;

    M.K. HUNTER, E.H. HUNTER, The Indoor Garden. Design, Construction and Furnishing, John Wiley & Sons, New York, 1978;

    S. KOPPELKAMM, Glasshouses and Wintergardens ofthe Nineteenth Century, London, 1981;

    F. M. RAIMONTO, Orti botanici, giardini alpini, arboreti italiani, Edizioni Grifo, Palermo, 1992;

    J. HIX, The Glass House, Phaidon Press, London, 1996;

    Green House, in “Landscape architecture”, n. 7, maggio 1997;

    Lo spazio della trasparenza, in “Arca”, n. 111, gennaio 1997;

    Life on earth, in “Landscape design”, n. 270, luglio 1998;

    Calling planet earth, in “Landscape design”, n. 281, giugno 1999;

    Design for a small planet, in “Landscape architecture”, n. 12, dicembre 1999;

    Planning forthe planet, in “Architects’ Journal”, n. 6, 17 febbraio 2000;

    I. SMETS, The Royal Greenhouses, Ludion, Ghent, 2001;

    L. SASSO, Orto, giardino botanico e città, Un progetto per Torino e le sue acque, CELID, Torino, 2002;

    The garden inside, in “Landscape architecture”, n. 1, gennaio 2002;

    Greenhouse Effect, in “Landscape architecture”, n. 6, giugno 2002;

    Garden for a dry planet, in “Landscape architecture”, n. 8, agosto 2002;

    A. SICURELLA, Progettare il verde, Tecniche e soluzioni, Sistemi editoriali SE, Napoli, 2003;

    Riferimenti sulle cupole geodetiche:

    R. GRIMALDI, R. Buckminster Fuller 1895-1983, Officina, Roma, 1990;

    A. R, EMILI, Richard Buckminster Fuller e le neoavanguardie, Kappa, Roma, 2003;

    M. J. GORMAN, Buckminster Fuller : architettura in movimento, Skira, Milano, 2005;

    Riferimenti sulle biosfere e sui biodome:

    Jungleworld Standard Time, in “Landscape architecture”, n. 7, luglio 1993;

    The “stealth” rainforest: Eden in progress?, in “Landscape architecture”, n. 1, gennaio 1994;

    Montreal biodome: cycles of the seasons, in “Landscape architecture”, n. 1, gennaio 1994;

    Una foresta pluviale. The Cockerell Butterfly Center, in “Arca”, n. 115, maggio 1997;

    Eden Project, in “Lotus international”, n. 93, giugno 1997;

    Science and art in a clay pit called Eden, in “Landscape design”, n. 270, maggio 1998;

    Botany 2000, in “Landscape design”, n. 270, maggio 1998;

    At the cuttin edge of Eden, in “Landscape design”, n. 284, ottobre 1999;

    Gardener’s world, in “Building”, n. 8129, 24 marzo 2000;

    Eden revisited, in “Landscape design”, n. 291, giugno 2000;

    Design with nature, in “Architects’ Journal”, n. 1, 6 luglio 2000 (MetaIWorks supplement);

    A taste of Eden, in “Architects’ Journal”, n. 7, 22 febbraio 2001 ;

    With domes that bubble out of Cornwall’s ruined landscape, in “Architectectural record”, n. 1, gennaio 2002;

    Riferimenti sulle modalità e sulle finalità dell’esposizione del verde:

    Garden festivals – Here to say, in “Landscape design”, n. 160, aprile 1986;

    Re-creation as recreation, in “Landscape architecture”, n. 1, gennaio 1989;

    Botany or business?, in “Landscape architecture”, n. 1, gennaio 1989;

    Botanical basics, in “Landscape architecture”, n. 1, gennaio 1989;

    More than a theme park, in “Landscape design”, n. 212, luglio 1992;

    Botany play, in “Landscape design”, n. 216, dicembre 1992 – gennaio 1993;

    Botanic gardens, in “Landscape architecture”, n. 3, marzo 1994;

    Habitat for botany, in “Landscape architecture”, n. 3, marzo 1994;

    The Making of an Arboretum, in “Landscape architecture”, n. 2, febbraio 1999;

    C. BUFFA DI PERRERO, F. FONTATA, Parco pubblico urbano ed esposizioni floreali. Modelli di progettazione e gestione: esperienze internazionali a confronto, CELID, Torino, 1999;

    Riferimenti sul clima e sull’ambiente:

    E. P. ODUM, Ecologia, Zanichelli, Bologna, 1966;

    E. P. ODUM, Basi di Ecologia, Piccin – Nuova Libraria, Padova, 1988;

    E. P. ODUM, Fondamenti di Ecologia, Piccin – Nuova Libraria, Padova, 2007;

    P. FABBRI, Principi ecologici per la progettazione del paesaggio, Angeli, Milano, 2007;

    Riferimenti per l’analisi floristica:

    U. TOSCO, Analisi della vegetazione e flora, Allemandi, Torino, 1978;

    AA.VV., Dizionario di botanica, Rizzoli, Milano, 1984;

    O. POLUNIN, M. WALTERS, Guida alle vegetazioni d’Europa, Zanichelli, Bologna, 1987;

    P. BLANDIN, La natura in Europa. Paesaggi, flora e fauna, L’Airone editrice, Bologna, 1992;

    L. DALLA RAGIONE, Archeologia arborea : diario di due cercatori di piante, Ali&no, Assisi, 1997;

    M. M. ALTAMURA, Botanica: fondamenti di biologia delle piante, Nuova editoriale Grasso, Bologna, 2000;

    W. K. PURVES, La biologia delle piante, Zanichelli, Bologna, 2001;

    P. H. RAVEN, Biologia delle piante, Zanichelli, Bologna, 2002;

    A. MINELLI, La Macchia mediterranea – Formazioni sempreverdi costiere, Museo Friulano di Storia Naturale, Udine, 2002;

    KIPAR, Alberi e piante : nuovo respiro perle città, Il Verde editoriale, Milano, 2010

Annunci

Informazioni su Enzo Contini

Electronic engineer
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e parole, Ricordi. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Lo zoo di Torino nel Parco Michelotti (dal 20/10/1955 al 31/3/1987)

  1. Enzo Contini ha detto:

    Da un post del blog della “Locanda dell’arte”:

    Nella LOCANDA DELL’ARTE l’allestimento ARCHEOLOGIA INCANTATA è ampliato con un percorso multimediale: accanto alle opere d’arte e ai libri di Ezio Gribaudo, l’esposizione presenta le fotografie di Stefania Monsini che illustrano la fantastica esperienza dell’incontro tra Gribaudo e una scolaresca nell’atelier del Maestro d’arte e il video di Enzo Contini dedicato allo Zoo di Torino, nelle cui immagini si riflettono e proiettano i ricordi che hanno ispirato l’artista nella creazione delle opere in mostra.

  2. simona ha detto:

    Ciao! Vorrei solo dire un grazie enorme per le informazioni che avete condiviso in questo blog! Di sicuro’ diverro’ un vostro fa accanito!

  3. Stefano Collica ha detto:

    Hello Carissimo Enzo, grazie per questo messaggio, ma dopo un paio di frustranti tentativi, non sono riuscito a vedere nulla. Comunque grandi saluti e complimenti , sei forte. Ciao!

    • Enzo Contini ha detto:

      … strano. Prova ad andare direttamente su http://www.youtube.com e cerca “Lo zoo di Torino nel 1965”. …se ancora hai problemi chiedi a tua figlia che sicuramente sa risolverti il problema di visualizzazione di video installando magari qualche plug-in del browser sul PC che usi ;-).

      Ciao ciao
      Enzo

  4. Enzo Contini ha detto:

    Ho trovato anche questo interessante filmato che mostra lo zoo nel 1980: http://m.youtube.com/#/watch?v=0N2shcLggwU

  5. francocanavesio ha detto:

    Bello! E chi non ricorda la lo stagno dei fenicotteri all’ingresso, il pizzico delle labbra della giraffa quando gli offrivi il pezzo di carota, i babbuini col sedere rosso …

Lascia un Commento/Leave a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...