Ibanez Custom Agent – model 2405 (sunburst)

I was 15 years old when I received this electrical guitar. I liked it since the beginning and now, that I just cleaned it and revised a bit (I only screwed some screws …), it looks like nearly new … against all its years!

😉

I searched in Internet for information about this particular model of that Ibanez guitar … and I realized that it is a rare model that was produced only for few years and today, in excellent original condition, this guitar is worth between $1,200 and $1,500!!

It was produced between circa 1974 and 1977, but serial numbers were not applied to Ibanez guitars until September 1975. Since my guitar does not have a serial number (I could want to check the potentiometers for date codes), it was most likely produced before September 1975: in fact, if I remember well, I got it as a Christmas gift in December 1974!

These Ibanez “copy” guitars from the 1970s are so cool in the opinion of many, as I found in my Internet searches. I fact, while it’s obvious they are copies of popular models, Ibanez designers applied their own artistry and flair to them—something Gibson and Fender rarely dared to try. The Custom Agent model 2405 seems to be listed in the book Ibanez: The Untold Story and older Ibanez catalogs.
Single cutaway mahogany body with a carved  maple top for good looks and tone. The mahogany neck features a 22 fret bound rosewood fingerboard with fancy banjo style inlays. Wild F style scrolled headstock. Dual Super 70 pickups deliver killer tone. A Tuneomatic style bridge and stop tailpiece keep everything solid. Deluxe sealed “star”  tuners too.  My example is finished in a nice violin sunburst.

The model 2405 as it appeared in mid-’70s Ibanez promo literature

The model 2405 as it appeared in mid-’70s Ibanez promo literature

Ibanez: the untold story

The development of this guitar is interesting, especially because the design is unique. But first, let me give some background on the “lawsuit era” of Ibanez guitars.

Hoshino Gakki started as a bookstore company in 1908 and began importing guitars under the Salvador Ibanez name in 1929. Hoshino bought the Ibanez company name and started making guitars themselves in 1935. In the 1970’s American guitar manufacturers were making poorer and poorer versions of their mainstay guitars, so Ibanez jumped in and started “copying” famous brand looks at a budget price. These copies were so good that Gibson sued the Hoshino company and now the Japanese guitars of this era are called the “lawsuit” guitars.

Up until the mid-1970s, Ibanez mainly offered Japanese-manufactured copies of popular American designs like the Stratocaster and Les Paul. The large American guitar manufacturers certainly didn’t appreciate the business they were losing as a result of Ibanez blatantly copying their instruments. And on June 28, 1977, Norlin (Gibson’s parent company) filed a lawsuit against Elger (Ibanez’s parent company) for trademark infringement, claiming Ibanez was copying Gibson’s headstocks too closely.

What many people don’t realize is that by 1975, Ibanez was already working on their “original designs.” By the time the lawsuit was filed, nearly all Ibanez guitars had a much different, non-Gibson-style headstock. That’s not to say the body shapes weren’t still being copied, but there wasn’t much Gibson or Fender could do about this since they didn’t have specific enough trademarks on their body shapes or styles. The lawsuit never went to trial, and Elger signed an agreement to stop marketing Gibson-copied designs and using model names suggestive of Gibson. Elger complied, but the lawsuit represented what was really more of a formality than a radical change in the way Ibanez built their guitars.

The Custom Agent model was one of the first Ibanez guitars to feature an original design: it was the Ibanez answer to the Gibson “lawsuit”. The body is obviously based on a Les Paul, but it has a mandolin-scroll-style headstock, banjo-style fretboard inlays, and a decorative pearl inlay below the stud tailpiece that gives the appearance of a trapeze tailpiece. Though it’s missing on my guitar, the stock pickguard for this model was also uniquely shaped with scrolls.

The Ibanez Custom Agent 2405 was only produced for a short time in the mid 70’s and was one of the top of the line guitars for the company. It featured the distinctive single cutaway, maple top and mahogany back and sides. The guitar also had some features that immediately set it apart from other LP copies. It had a mandolin scroll headstock, matching pickguard and a faux ivory inlay behind the bridge tailpiece.

So it has a mahogany body with a maple or birch top, a set maple neck, a 22-fret rosewood fretboard, two covered Ibanez Super 70 humbuckers and four knobs (two volume, two tone).

Nice medium sized neck, and set up really nice- plays great up and down it with no buzzes. Guitar is lively and resonant unplugged and the Ibanez Super 70 pickups Paf style vintage sound great plugged in with the High End touch with the classic F5 mandolin headstock scroll shape and F5 ornate fretboard inlays.

===========================================================

In the following some pictures I took of my “old” (but just cleaned 😉 ) Ibanez Custom Agent – model 2405 sunburst!

   

And at the end … how it looks like before I cleaned it:

How it looks like before I cleaned it!

How it looks like before I cleaned it!

===========================================================

On Internet I found the following picture of the same 2405 model of guitar but with a different color (however it is with a missing pickguard, likely non-original pickups, replacement knobs and tarnished hardware!):

Same model but with a different color

Same 2405 model but with a different color

Currently, the Ibanez model that seems to be the nephew ot the Custom 2405 is the IBANEZ AR725-VLS … but now it is made in China (as said in the product description in the Amazon site) …

Ibanez AR725_VLS

Ibanez AR725_VLS

==========================================================

Most of the information of this post comes from the following sites:

Pubblicato in Music, Review e test | Lascia un commento

How to register a new Windows 10 PC/tablet and a Windows 10 Mobile smartphone for reading Kindle eBooks

Sometime it is useful to have access to your Kindle library also from a Windows 10 PC/tablet or a Windows 10 Mobile smartphone: this post give you the useful information how to register a new Windows device in order to use it for reading your eBooks 😉

Unfortunately Amazon have not developed a UWP app for Windows 10 so currently in the Microsoft Store there is only an app (an old one) that can be installed only on Windows Phone 8/8.1 and Windows 10 Mobile devices. It is really a pity! Moreover, as you may experimented, the login on the smartphone app is not so easy as it should be and at least a new release of the app should be provided by Amazon!

If you want to have access to your Kindle library and read some of your purchased eBooks from your Windows 10 tablet/PC, you will not find now any app in the Windows Store and you have to install a desktop application (that could be easily converted to an app, as already some others did – e.g. Adobe Photoshop – … note that some years ago there was an app, as you can see from this post dated 2012: I hope that Amazon will do the proper work!), currently with the installer KindleForPC-installer-1.20.47037.exe: you can download it from an Amazon site page. You can find detailed instructions for example here.

If you want instead to have access to your Kindle library and read some of your purchased eBooks from your Windows 10 Mobile device, you have to download the Amazon Kindle app (available only for mobile devices).

Windows 10 Mobile app

When you launch that app, you are requested to insert your Amazon credentials, but even if you insert the right ones, it is displayed “The email address or password you typed isn’t recognized. Try again“. If you try to insert again and again that credentials you will always receive the same error, even though you inserted the right credentials!! This is because Amazon have now a new procedure (for a smartphone … it seems not for a PC/tablet) to be sure that the user that is registering a new device is really the owner of the inserted email: therefore currently it sends a temporary code by email that must be inserted as password in that authentication form (instead of the permanent password of your Amazon account!).
It should be mainly a matter of changing the displayed error reason … but even this little update of the app is not done by the great Amazon (yet?)

😦

Login to Amazon

Login failed (a wrong reason is  displayed!)

Email from Amazon with the code to be inserted (instead of your Amazon password)

 

Pubblicato in Review e test | Lascia un commento

Come utilizzare gli Amazon locker

Soprattutto in questi periodi di chiusure estive, può risultare utile utilizzare il servizio di consegna presso un locker per i pacchi acquistati su Amazon: ho da poco utilizzato tale modalità di consegna e devo dire che è molto comoda, soprattutto se uno abita in una città dove spesso tali locker risultano collocati abbastanza capillarmente anche presso alcuni supermercati, spesso nel loro androne, e non solo utilizzando un ufficio postale.

Ho trovato sia la modalitĂ  di utilizzo assai semplice ed intuitiva sia la procedura molto ben studiata in modo da non lasciare dubbi al cliente. Quando l’oggetto risulta recapitato, viene spedita via email il codice necessario per il ritiro (con anche un codice a barre che evita addirittura di dover digitare i pochi caratteri che consentiranno l’apertura di uno sportello del locker. Una email successiva ringrazia per aver scelto e ritirato quell’ordine, chiedendo gentilmente di possibilmente compilare un breve questionario di gradimento del servizio.
Una procedura impeccabile che deve essere sicuramente presa di esempio …

Email con il codice per il ritiro del pacco dal locker

Email con il codice per il ritiro del pacco dal locker

Email di ringraziamento con la richiesta di compilare possibilmente un breve questionario di gradimento.

Tuttavia la possibilitĂ  di aggiungere ai propri indirizzi di spedizione anche alcuni di tipo locker e/o uffici postali, non è secondo me particolarmente agevole a trovarsi e non mi sembra anzi possibile utilizzando l’app Facebook (almeno quella per Windows 10), bensĂŹ risulta possibile attualmente solo accedendo al sito da browser.
In particolare si deve andare in Il mio account -> Indirizzi e quindi premere Aggiungi indirizzo: il link diretto è comunque questo.

Purtroppo, non tutti gli articoli, sebbene siano prime e quindi spediti da Amazon stessa, risultano idonei per il loro ritiro da un locker (o da un ufficio postale), forse per le loro dimensioni, anche se non si capisce a questo punto perchĂŠ i medesimi non si possano recapitare neppure in uno degli uffici postali.

Non per tutti gli articoli si può scegliere come punto di ritiro un locker o un ufficio postale

Non per tutti gli articoli si può scegliere come punto di ritiro un locker o un ufficio postale

Pubblicato in Review e test | Lascia un commento

How to create a sample Bot application, test it with the bot emulator and then publish it in Azure

I am trying the Microsoft BOT Framework and here you can find my first experiences.

First I followed the instructions available in Create a bot with the Bot Builder SDK for .NET and in the following you can find some notes and screenshots that could help to understand, if needed, the steps explained in that quick start, and then make the sample bot run bot on the bot emulator and  then deployed in Azure.

First of all, to have your VS have the templates related to the Bot, copy the Bot Application, Bot Controller, and Bot Dialog .zip files to your Visual Studio 2017 project templates directory located in %USERPROFILE%\Documents\Visual Studio 2017\Templates\ProjectTemplates\Visual C#\

Insert the templates in the proper VS directory

 

You will then find a specific selectable Bot Application template when you will create a new project.

Boot Application template

Boot Application template

To test with the botframework-emulator, download it, install it and run it. Set the endpoint of the BOT (e.g. http://localhost:3979/api/messages ) where the base URL can be taken both from the URL of the browser page opened when you run the bot project with Visual Studio or in the project properties: remember to add to that string the /api/messages to let the endpoint be defined properly!

From VS, run the BOT in a browser (e.g. Edge)

From VS, run the BOT in a browser (e.g. Edge)

Page displayed when you run the BOT: it shows the port used and remember you that the endpoint to be set must be of a specific type (https and end with /api/messages)

Page displayed when you run the BOT: it shows the port number used and remember you that the endpoint to be set must be of a specific type (https and end with /api/messages)

Properties of the project that shows the URL with the used port number

Properties of the project that shows the URL with the used port number

For this time, because the bot is not registered yet, in the emulator you have to leave blank the Microsoft App ID and Microsoft App Password fields: you will have to set them only after you register your bot in the MyBot section of the Bot Framework portal.

Bot emulator with the endpoint properly set as previously described

Bot emulator with the endpoint properly set as previously described

Clicking on the CONNECT  button  (and having the bot project running in Visual Studio), you can send messages to that bot and have it answers to you, as designed in his code.

Dialogue with the bot, using the emulator

Dialogue with the bot, using the emulator

Now, if you want to register and run that sample BOT  in Azure, you have publish it: this will give you the site URL that you will have to change in https when you register this bot in the Bot Framework portal (as clearly stated in the suggestion of the Messaging endpoint input field when you register it).

Build -> Publish projectName

Build -> Publish projectName

Set API Name, Resource Group and App Service plan and click the Create button

Set API Name, Resource Group and App Service plan and click the Create button

In the Summary you can find the base URL to be used as endpoint

Register the new bot in the dev.botframework.com portal clicking the Create a bot button

Click the Register button

Click the Register button

Set the mandatory fields and note the suggestion about the Messaging endpoint (it must be https)

Specify the <em>Messaging endpoint</em> using the <em>https</em>, the <em>base URL</em> and then the path <em>/api/messages</em>

Specify the Messaging endpoint using the https, the base URL and then the path /api/messages

In the apps.dev.microsoft.com portal, generate the AppID and the app password (ion the bot registration form only APP ID is needed while both must be set in the code of the Bot)

Take note of the generated password

Set the App ID in the bot registration page

Register the bot

Register the bot

Bot created

Bot created

The bot is already associated to two channels but you can add more

The bot is already associated to two channels but you can add more

In the My bots page the new bot is listed

In the My bots page the new bot is listed

Open the Web.config file ot the bot project and search for the appSetting keys MicrosoftAppId and MicrosoftAppPassword

Set MicrosoftAppId and MicrosoftAppPassword keys with the proper values given when you generate an App ID and password associated to your Microsoft Account

Set MicrosoftAppId and MicrosoftAppPassword keys with the proper values given when you generate an App ID and password associated to your Microsoft Account

Update the code and re-publish it (1)

Update the code and re-publish it (1)

Update the code and re-publish it (2)

Update the code and re-publish it (2)

You can test the new bot directly from the Bot Framework portal

You can test the new bot directly from the Bot Framework portal

If you now want to test/debug that bot from the emulator, you have to define in it also the App ID and password

If you now want to test/debug that bot from the emulator, you have to define in it also the App ID and password

The dialogue with the bot works again even after the setting of App ID and password ...

The dialogue with the bot works again even after the setting of its App ID and password

In the Azure Dashboard you can see the new Bot

In the Azure Dashboard you can see the new Bot

Azure Dashboard – all resources

 

_____________________________________

Now, for sure you want to delete all the resources associated to that just created sample bot! You need  to manage in the following places:

You can select the bot and then delete it if you don't need anymore

You can select the bot and then delete it if you don’t need anymore

Copy&past the bot name in the proper input field to let the deletion be done

Copy & past the bot name in the proper input field to let the deletion be done

Also in apps.dev.microsoft.com you still have in your app list the just tested bot with the related App ID / Client Id association: you may want to dele also that

Also in apps.dev.microsoft.com you still have in your app list the just tested bot with the related App ID / Client Id association: you may want to dele also that

Delete the sample bot also from the dev.botframework.com portal

Delete the sample bot also from the dev.botframework.com portal

That’s all, for now …

Pubblicato in Aziendali, Review e test, Windows | Lascia un commento

Come richiedere il permesso per decesso o notificare una assenza per malattia ad ore

Prima o poi capita di poter usufruire di tale permesso e non sempre si ha il tempo e determinazione per ricercare le informazioni necessarie presenti sulla intranet per conoscere la procedura necessaria. Il presente post intende perciò raccogliere e semplificare il piÚ possibile le informazioni necessarie e da me raccolte inizialmente da colleghi, che si erano da poco trovati nelle mie medesime condizioni, e quindi successivamente anche dalla intranet.

Per chi non ha tempo di leggere tutto (sono infatti informazioni che quando servono si vorrebbero avere subito, chiare e concise e non è cosÏ facile trovarle!) riassumerò subito brevemente quelle che ho scoperto essere le procedure in atto e le possibilità previste (almeno in un contesto di dipendente TIM).

Si può richiedere il permesso retribuito per decesso per un massimo di 3 giorni lavorativi (escludendo dal computo i giorni festivi o di riposo infrasettimanale) continuativi, entro 7 giorni dall’evento. Si applica al decesso del coniuge o di parenti fino al secondo grado [padre, figlio, fratelli, nonni, nipoti (abiatici, figli dei figli)]. Occorre il requisito della convivenza per gli altri parenti: se conviventi, fanno parte della famiglia anagrafica anche i parenti del coniuge e le persone che hanno con il lavoratore un vincolo di adozione.
I 3 giorni di permesso massimo sono da intendersi per ciascun anno solare, secondo quanto indicato nella legge in oggetto.

Operativamente si deve:

  • Inviare al proprio gestore HR via e-mail il relativo modello di richiesta (scaricabile dalla intranet da qui – nel file MODULISTICA PER PERMESSI VARI.zip trovi Richiesta permesso per grave infermitĂ  o decesso.pdf) debitamente compilato. Purtroppo gli spazi lasciati liberi per inserire i dati richiesti sono troppo piccoli per contenerli ed essendo un file pdf non risulta agevolmente editabile: per cui puoi copiare tutto il testo in un documento Word … o lo compilerai cosĂŹ com’è come puoi!).
  • Una volta ricevuta l’autorizzazione dal gestore HR e venuto in possesso del certificato di morte, inserire una Richiesta al Competence Team di richiesta di permesso per decesso inserendo tutti i seguenti allegati (se ne manca qualcuno, tale richiesta viene chiusa senza essere processata e nella risposta del motivo del rifiuto viene semplicemente riportando quanto giĂ  scritto nelle FAQ):
    1. La e-mail di autorizzazione ricevuta dal gestore HR
    2. La documentazione a supporto (in formato elettronico), vale a dire il certificato di morte (ed eventualmente la certificazione anagrafica che attesti la convivenza, nei casi in cui il deceduto non rientri tra i parenti fino al secondo grado). Il certificato di mote viene rilasciato dall’anagrafe generalmente dopo pochi giorni (e.g. 3) dal decesso.
  • Si deve poi inviare comunque tutta la documentazione in originale per posta interna o ordinaria a “HRS – Competence Team – Via Cina 5/7 – 00144 Roma“, indicando sulla busta cognome, nome, CID (quello indicato sul badge) e numero della richiesta inoltrata al Competence Team.

Risulta poi ovviamente possibile contattare il Competence Team con il numero verde 800 018 018 (dal lunedĂŹ al venerdĂŹ, dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 16:00), sollecitando eventualmente la tua richiesta o per avere informazioni sulla stessa: assicurati di avere a portata di mano il numero della richiesta (che trovi anche nell’oggetto della mail di conferma di apertura), seleziona l’opzione 2 e segui le istruzioni vocali.

==========================================================

In generale l’art. 4, comma 1 della legge 53/2000 stabilisce che: “i lavoratori hanno diritto ad un permesso retribuito di tre giorni lavorativi all’anno in caso di decesso o di documentata grave infermità del coniuge o di un parente entro il secondo grado o del convivente, purché la stabile convivenza risulti da certificazione anagrafica”.

Inoltre, il D.M. n. 278/2000 (Regolamento recante disposizioni di attuazione dell’articolo 4 della legge 8 marzo 2000, n. 53, concernente congedi per eventi e cause particolari), all’art. 1 commi 1 e 2 precisa che:
“La lavoratrice e il lavoratore, dipendenti di datori di lavoro pubblici o privati, hanno diritto a tre giorni complessivi di permesso retribuito all’anno in caso di decesso o di documentata grave infermità del coniuge, anche legalmente separato, o di un parente entro il secondo grado, anche non convivente, o di un soggetto componente la famiglia anagrafica della lavoratrice o del lavoratore medesimi. Per fruire del permesso, l’interessato comunica previamente al datore di lavoro l’evento che dà titolo al permesso medesimo e i giorni nei quali esso sarà utilizzato. I giorni di permesso devono essere utilizzati entro sette giorni dal decesso o dall’accertamento dell’insorgenza della grave infermità o della necessità di provvedere a conseguenti specifici interventi terapeutici”.

L’art. 2 prevede comunque sempre, nel caso di decesso di un soggetto diverso da quelli indicati, (art , c.1, permessi retribuiti) la possibilitĂ  di chiedere dei congedi non retribuiti, ciò vale anche per generi e nuore, suocero e suocera etc.

FAQ del Competence Team

FAQ del Competence Team

In particolare, nel documento relativo alle FAQ, presente nella sezione Personal Area -> Competence Team della intranet TIM, si legge quanto segue. Non sono fornite altresĂŹ, in quella FAQ, indicazioni dettagliate ne su come e quando usufruire di quei giorni, ne su quali siano le documentazioni in originale da poi inviare per posta: non ho trovato scritto nulla di dettagliato sebbene ci sia il riferimento alla legge riportata sopra e si deve probabilmente fare riferimento ad alcuni articoli del contratto collettivo nazionale per i telefonici (vedi nel seguito). In particolare la necessità che ci sia una continuitĂ  nei 3 giorni richiesti (entro i 7 giorni dall’evento) non l’ho trovata da nessuna parte, ma da esperienza di alcuni colleghi mi sento di poterla confermare.

_____________________________________________________________

Dalle  FAQ: Come richiedere un permesso per grave infermità o decesso dei familiari per L. 53/2000

Per usufruire di un permesso per grave infermità o decesso dei familiari (L. 53/2000) il proprio HR dovrà autorizzare la richiesta. In questi casi quindi è necessario:

  • inviare al proprio gestore HR via e-mail il relativo modello di richiesta debitamente compilato e la relativa documentazione a supporto
  • inserire una Richiesta al Competence Team
  • allegare alla richiesta la e-mail di autorizzazione ricevuta dal gestore HR e la documentazione a supporto in formato elettronico.
  1. La documentazione in originale dovrĂ  comunque essere inviata per posta interna o ordinaria a “HRS – Competence Team – Via Cina 5/7 – 00144 Roma”, indicando sulla busta cognome, nome, CID (quello indicato sul badge) e numero della Richiesta al Competence Team.

__________________________________________________________

NOTA – Dalle indicazioni sulla intranet mi sembra quindi di capire che il polo di Ivrea, per personale del regioni Veneto, Emilia Romagna, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta) serva solo per le richieste di rimborso delle spese di trasferta (Travel monitoring)  mentre il polo di Roma sia per tutti quello a cui inviare le documentazioni relative ad altre problematiche quali, ad esempio, l’assenza per decesso o per visita medica.

======================
Nel seguito vengono evidenziate le parti relative al tema in oggetto, presenti nel contratto collettivo nazionale di lavoro per personale dipendente da imprese esercenti servizi di telecomunicazioni (datato 1 febbraio 201 3 e scaricabile dalla intranet come CCNL telecomunicazioni 2014).
__________________________________________________________
Dal contratto collettivo nazionale di lavoro per personale dipendente da imprese esercenti servizi di telecomunicazioni (datato 1 febbraio 201 3)Art. 32 – Assenze, permessi congedi, aspettativa

ASSENZE
Il Lavoratore che – salvo il caso di giustificato impedimento – non può presentarsi
in servizio, deve darne avviso, fatti salvi comprovati motivi di carattere eccezionale,
prima dell’inizio del proprio orario o turno di lavoro e giustificare
l’assenza non oltre il secondo giorno.
2. Le assenze ingiustificate, indipendentemente dalla trattenuta della corrispondente
retribuzione, possono dare luogo all’applicazione di provvedimenti disciplinari,
secondo le norme del presente CCNL.
PERMESSI
3. Al lavoratore che ne faccia domanda l’azienda può accordare, compatibilmente
con le esigenze di servizio e sempre che ricorrano giustificati motivi, permessi di
breve durata.
PERMESSI PER EVENTI E CAUSE PARTICOLARI
4. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 4, primo comma, della legge 8 marzo 2000, n.
53 e degli artt. 1 e 3 del regolamento d’attuazione di cui al D.M. 21 luglio 2000,
n. 278, la lavoratrice ed il lavoratore hanno diritto complessivamente a tre giorni  lavorativi di permesso retribuito all’anno nel caso di decesso o di documentata grave infermità del coniuge, anche legalmente separato, o di un parente entro il  secondo grado, anche non convivente, o di un soggetto componente la famiglia anagrafica della lavoratrice o del lavoratore medesimi.
Per fruire del permesso il lavoratore è tenuto a preavvertire il datore di lavoro
dell’evento che dà titolo al permesso medesimo e i giorni nei quali sarà utilizzato.
Nel caso di richiesta del permesso per grave infermitĂ  dei soggetti indicati, il lavoratore
deve presentare, entro il termine massimo di cinque giorni dalla ripresa
dell’attività lavorativa, idonea documentazione del medico specialista del Servizio
sanitario nazionale o con esso convenzionato o del medico di medicina generale o
del pediatra di libera scelta o della struttura sanitaria nel caso di ricovero o intervento
chirurgico. Nel caso di richiesta del permesso per decesso, il lavoratore è tenuto a documentare detto evento con la relativa certificazione, ovvero, nei casi consentiti, con dichiarazione sostitutiva. I giorni di permesso devono essere utilizzati entro sette giorni dal decesso o dall’accertamento dell’insorgenza della grave infermità o della necessità di provvedere a conseguenti specifici interventi terapeutici. Nei giorni di permesso non sono considerati i giorni festivi e quelli non lavorativi.
Nel caso di documentata grave infermità dei soggetti indicati, il lavoratore ed il datore di lavoro possono concordare, in alternativa all’utilizzo dei giorni di permesso, diverse modalità di espletamento dell’attività lavorativa comportanti una riduzione dell’orario di lavoro complessivamente non inferiore ai giorni di permesso che vengono sostituiti. L’accordo è stipulato in forma scritta, sulla base della proposta della lavoratrice o del lavoratore ed in esso sono indicati i giorni di permesso che sono sostituiti dalle diverse modalità concordate e la cadenza temporale di produzione da parte del lavoratore della idonea certificazione atta a documentare la permanenza della grave infermità. Dal momento in cui venga accertato il venire meno della grave infermità il lavoratore è tenuto a riprendere l’attività lavorativa secondo le modalità ordinarie. Il corrispondente periodo di permesso non goduto può essere utilizzato per altri eventi che dovessero verificarsi nel corso dell’anno alle condizioni previste dalle presenti disposizioni. La riduzione dell’orario
di lavoro conseguente alle diverse modalità concordate deve avere inizio entro sette giorni dall’accertamento dell’insorgenza della grave infermità o della necessità di provvedere agli interventi terapeutici. I permessi di cui al presente comma sono cumulabili con quelli previsti per l’assistenza delle persone handicap.

CONGEDI PER EVENTI E CAUSE PARTICOLARI
10. Ai sensi e per gli effetti di quanto previsto dall’art. 4, secondo comma, della legge n. 53 del 2000 e dagli artt. 2 e 3 del regolamento d’attuazione di cui al decreto interministeriale 21 luglio 2000 n. 278, il lavoratore ha diritto ad un periodo di congedo per i gravi motivi familiari espressamente indicati dalle richiamate disposizioni di legge, relativi alla situazione personale, della propria famiglia anagrafica e dei soggetti di cui all’art. 433 cod. civ. anche se non conviventi, nonché dei portatori di handicap, parenti o affini entro il terzo grado, anche se non conviventi. Per gravi motivi familiari si intendono le fattispecie
riportate all’art. 2 del d.m. 21 luglio 2000, n. 278.
Tale congedo, utilizzabile in modo continuativo o frazionato, non potrà essere superiore a due anni, computati secondo il calendario comune, nell’arco dell’intera vita lavorativa.
Il lavoratore dovrĂ  presentare richiesta scritta specificando i motivi e la durata del periodo di congedo precisando, la durata minima dello stesso – di norma e fatta eccezione per i casi disciplinati dai commi 11 e 12, non inferiore ad un mese – e documentare, anche attraverso dichiarazione sostitutiva nei casi consentiti, il legame di parentela, affinitĂ  o di famiglia anagrafica con i soggetti sopra indicati. Il lavoratore deve altresĂŹ assolvere agli obblighi di documentazione previsti all’art. 3 del medesimo regolamento di attuazione. Il datore di lavoro è tenuto entro 10 giorni dalla richiesta del congedo ad esprimersi sulla stessa e a comunicare l’esito al dipendente. L’eventuale diniego, la proposta di rinvio ad un periodo successivo e determinato, la concessione parziale del congedo devono essere motivati in relazione alle condizioni previste per la richiesta del congedo ed alle ragioni organizzative e produttive che non consentono la sostituzione del dipendente. Su richiesta del dipendente, eventualmente assistito dalla Rappresentanza sindacale unitaria su
sua indicazione, la domanda deve essere riesaminata nei successivi 20 giorni. Il datore di lavoro assicura l’uniformità delle decisioni avuto riguardo alla prassi adottata e alla situazione organizzativa e produttiva dell’impresa.
11. Nel caso di rapporti di lavoro a tempo determinato la richiesta di congedo può essere in ogni caso negata per incompatibilità con la durata del rapporto in relazione al periodo di congedo richiesto, ovvero quando i congedi già concessi hanno superato i tre giorni nel corso del rapporto di lavoro a termine nonchÊ quando il rapporto è stato instaurato in ragione della sostituzione di altro dipendente in congedo ai sensi della presente norma.
12. Il congedo di cui al presente articolo può essere altresì richiesto per il decesso di uno dei soggetti di cui al comma 4, per il quale il richiedente non abbia la possibilità di utilizzare permessi retribuiti nello stesso anno ai sensi delle medesime disposizioni o di disposizioni previste dalla contrattazione collettiva. Nel caso in cui la richiesta del congedo per questo motivo sia riferita a periodi non superiori a tre giorni, il datore di lavoro è tenuto ad esprimersi entro 24 ore dalla stessa e a motivare l’eventuale diniego sulla base di eccezionali ragioni organizzative, nonché ad assicurare che il congedo venga fruito comunque entro i successivi sette giorni.

__________________________________________________________

Riporto nel seguito, alcune informazioni raccolte da questo sito (relativamente al mondo della scuola). Leggendolo, mi sono reso conto che alcune estensioni attuative della legge, possono poi essere specifiche di un contratto specifico: ad esempio, da quel post sembrerebbe che nell’ambito del contratto scolastico non viene applicato il vincolo di dover fruire dei permessi entro 7 giorni dall’evento e che inoltre questi giorni non devono necessariamente essere presi consecutivi. Inoltre alcuni contratti (e.g. quelli pubblici quali quello scolastico o ospedaliero) possono comprendere nei permessi retribuiti anche alcuni parenti affini (l’affinitĂ  è il vincolo che intercorre fra una persona e i parenti del suo coniuge anche se morto; nella linea e nel grado in cui taluno è parente di uno dei coniugi egli è affine dell’altro coniuge: in particolare sono affini entro il secondo grado: coniuge, suoceri, generi, nuore, cognati). Parlando con una ex segretaria TIM, mi ha detto che un tempo, anche in Telecomitalia tale

Dal una FAQ di un consulente del lavoro si leggono le seguenti informazioni generali ed interessanti in quando dettagliano meglio il tutto

Requisiti per i Permessi: spettano al lavoratore permessi in caso di decesso o di grave infermitĂ  del coniuge o di un parente entro il secondo grado, anche se non convivente, o di un soggetto componente la sua famiglia anagrafica.

  • Parenti entro il Secondo Grado: sono parenti entro il secondo grado, per i quali non occorre il requisito della convivenza, i genitori, i nonni, i figli, i loro figli (nipoti di 2° grado), i fratelli e le sorelle.
  • Altri Parenti: occorre il requisito della convivenza per gli altri parenti, quali i bisnonni, i bisnipoti, i figli dei fratelli e sorelle (nipoti di 3° grado), i pronipoti, gli zii, i cugini e i loro figli, i prozii, i cugini dei genitori e i loro figli.
  • Altri Componenti della Famiglia Anagrafica: se conviventi, fanno parte della famiglia anagrafica anche i parenti del coniuge e le persone che hanno con il lavoratore un vincolo di adozione.
  • Misura dei Permessi: per ogni evento spettano tre giorni lavorativi di permesso, quindi escludendo dal computo i giorni festivi o di riposo infrasettimanale. In caso di piĂš eventi riguardanti lo stesso lavoratore, i permessi spettano nel limite massimo di tre giorni all’anno.
  • Limiti Temporali alla Fruizione dei Permessi: i permessi vanno fruiti entro i sette giorni dal decesso, dall’insorgenza della grave infermitĂ  o della necessitĂ  di provvedere a conseguenti specifici interventi terapeutici.
  • Retribuzione Corrispondente: la retribuzione corrispondente è a carico del datore di lavoro, non essendo previsto l’intervento dell’INPS o di altri Enti.
  • Documentazione: il datore di lavoro ha il diritto di esigere la documentazione che attesti, per la persona colpita, sia il decesso o la grave infermitĂ , sia il suo vincolo di parentela con il lavoratore o l’appartenenza alla sua famiglia anagrafica.

 

 

 

==========================================================

Assenza per visite mediche (malattia ad ore),

Relativamente poi alla assenza per visite mediche (malattia ad ore), sempre nello stesso file delle FAQ si trovano queste indicazioni riferite al caso specifico di assenza ad inizio turno: non risulta chiaro come ci si debba comportare qualora, come spesso succede, l’assenza si verifica per qualche tempo della giornata lavorativa (non necessariamente all’inizio!).

Ovviamente la procedura descritta è in aggiunta all’inserimento in Employee Self Service di una richiesta di Assenza con tipologia Malattia ed altri permessi e giustificativo Malattia ad ore.

________________________________________________________

Come comunicare una malattia parziale (malattia ad ore) ad inizio turno

Qualora l’assenza parziale per malattia, visita medica o cura ambulatoriale ricada nelle fasce di flessibilitĂ  in ingresso, il relativo periodo interno alla fascia sarĂ  considerato “malattia” in presenza di un’idonea documentazione medica; in difetto, l’inizio dell’orario di lavoro decorre dal momento finale della fascia di flessibilitĂ  o dall’ora della timbratura, se precedente.

Per comunicare una malattia parziale ad inizio turno, è necessario:

 comunicare con una e-mail al proprio responsabile la malattia, indicando il giorno, l’orario di inizio e l’orario di fine dell’assenza

 inserire una Richiesta al Competence Team, specificando, nella sezione Descrizione, la data, l’orario di inizio e di fine della malattia

 allegare alla richiesta la e-mail di comunicazione al responsabile e la certificazione medica

 inviare la certificazione in originale a mezzo posta interna o ordinaria a “HRS – Competence Team – Via Cina 5/7 – 00144 Roma”, indicando sulla busta cognome, nome, CID (quello indicato sul badge) e numero della Richiesta al Competence Team

===========================================================

La FAQ seguente, relativa a”Come comunicare una visita medica durante un periodo di malattia” non risulta, a mio parere di aiuto nel comprendere cosa fare qualora ci si assenti per una visita medica (con apposito certificato emesso dal medico della struttura sanitaria) durante la giornata lavorativa.

___________________________________________________________

Come comunicare una visita medica durante un periodo di malattia

La malattia visita medica durante un periodo di malattia deve sempre essere comunicata utilizzando l’apposita funzionalità della TIM People App.

Solo in casi eccezionali, quando cioè ci si trovi nell’impossibilità di accedere alla App, può essere inserita una Richiesta al Competence Team. attraverso la Competence Team App

In questo caso è necessario:

 Inserire una Richiesta al Competence Team

 Specificare, nella sezione Descrizione, la data della visita medica, l’ora di inizio della e l’ora di fine della visita medica

_____________________________________________________

CONSIDERAZIONI

Purtroppo, ora che le già poche segretarie, che erano rimaste dislocate nel territorio, sono state adibite ad altro compito e tutto è stato centralizzato in un Competence Team a Roma, sicuramente molti dei processi pre-esistenti hanno subito delle variazioni che, a mio parere, rendono il tutto piÚ oneroso in termini di risorse e di tempo per il dipendente: il processo risultante risulta attualmente poco lean sebbene tali metodologie (agile/lean) siano state spesso promosse nel recente passato aziendale.
Ad esempio, per una semplice assenza temporanea per visita medica, un tempo bastava inserire la richiesta di permesso in Employee Self Service e portare alla segretaria il giustificativo rilasciato dal medico; ora, oltre all’inserimento in Employee Self Service, esiste una ulteriore procedura che prevede molteplici passi:

  • L’invio di una email al responsabile (indicando il giorno, l’orario di inizio e l’orario di fine dell’assenza, gli stessi giĂ  inseriti in Employee Self Service),
  • L’inserimento di una richiesta nello specifico portale del Competence Team ripetendo nuovamente gli analoghi dati (giorno, l’orario di inizio e l’orario di fine dell’assenza) ed allegando in quella richiesta sia la e-mail di comunicazione al responsabile sia la certificazione medica (richiedendo scannerizzazione del documento di cui comunque ne viene richiesto l’invio in originale fino a Roma, come dal passo successivo),
  • L’invio della certificazione in originale a mezzo posta interna o ordinaria al Competence Team di Roma, indicando sulla busta cognome, nome, CID e numero della Richiesta al Competence Team.

Penso che ogni ulteriore commento sia superfluo: nel caso specifico indicato, per poco più di un’ora di assenza ho dovuto dedicarne quasi altrettanto tempo per completare tutte le incombenze burocratiche richieste, con quindi dispendio soprattutto di tempo ma anche di risorse [e.g. scanner-stampante, buste (difficilmente reperibili), servizio postale].

Personalmente penso che certi processi possano e debbano necessariamente essere semplificati
🙂

 

 

Pubblicato in Aziendali, Giustizia, burocrazia e malcostume | Lascia un commento

Blackstar ID:CORE Stereo 40 V2 useful links and information

I bought the Blackstar ID:CORE Stereo 40 V2 amplifier for my guitar: it seems to be good … but may be some more information is needed.

Within the box there was only a two pages starter manual and a card with a code related to the free activation of a possible useful SW, the PreSonus Studio One.
I think that reading only that very few starter instructions, it is nearly impossible to use the amplifier properly, even only activate the effects and especially use its advanced features!! At a first trial, it could be that you think that the amplifier even does not work properly … In fact, note that when the amplifier is switched on, it has by default the Manual led lit, that should mean that it is in Manual mode, so the sound should reflect the current physical position of the knobs: on the contrary my amplifier seems to be in Patch mode and to let the sound reflect the current physical position of the knobs you have to unlit that led!!! So, when you switch it on and it has the Manual led lit, I have to unlit it to let the overdrive effects  (crunch, super crunch, OD1, OD2) works setting the proper Voice knob: till now I could not understand if that behavior is “normal” or not … and I am still waiting for an answer from the Blackstar forum.

If you have that amplifier, first you have to go to the Blackstar site and download the full user manual: without it is nearly impossible to use it, especially some advanced features!! Unfortunately there is only in English and other few languages (not Italian) …
However, even after reading that full manual, you can still have some doubts that possibly could be solved reading some answers from the Blackstar forum that can help you to understand some behaviors that possibly may seems quite “strange”. For example from there you can realize that “You need to register a level on the Gain pot in order to achieve output. By design, the voicings will only register output once there is a small level of gain applied. Simply increasing the Volume parameter will not result in output immediately“.

Then you have to download the Blackstar INSIDER (currently v1.8.1) SW that allows you also to possibly apply the firmware update of your amplifier.

To download the Studio One (Blackstar edition) SW, you have to register yourself in the Presonus site, and then register as a new SW or extension product using the activation code available on the card you found in the box of your Blackstar amplifier.

Studio One activation

Studio One (Blackstar edition) activation

At that point, in the My Products section, you will have the Studio One 3 Prime OEM that can be downloaded together with manuals, video and more …

My Product section: Studio One 3 Prime OEM available for downloading

My Product section: Studio One 3 Prime OEM available for downloading

Clicking on that available product, you can download the version you need: from that page you can realize that you have till 5 possible activations!

Download the proper Studio One version

Download the proper Studio One version

On that page you can find also a lot of other resources you can download and a learning section full of tutorials!! 😉

Extra downloads and tutorials

Extra downloads and tutorials

 

Pubblicato in Music, Review e test, Windows | 5 commenti

Microsoft Bot Framework useful links

In the following there are some guides and documentations for anyone is looking for resources about Microsoft Bot Framework. Some information is taken from the Microsoft Bot Framework site and a stackoverflow answer.

In general, the Bot Framework is a platform for building, connecting, testing, and deploying powerful and intelligent bots.  You can think of a bot as an app that users interact with in a conversational way. Bots can communicate conversationally with text, cards, or speech. A bot may be as simple as basic pattern matching with a response or it may be a sophisticated weaving of artificial intelligence techniques with complex conversational state tracking and integration to existing business services.
The Bot Framework supports several popular channels for connecting your bots and people. Users can start conversations with your bot on any channel that you’ve configured your bot to work with (e.g. email, Facebook, Skype, Slack, SMS).

The Microsoft Bot Framework provides just what you need to build and connect intelligent bots that interact naturally wherever your users are talking, from text/SMS to Skype, Slack, Office 365 mail and other popular services.
Recently Microsoft added Cortana, Skype for business (Lync) and Bing as channels (according to Build 2017).

Why use the Bot Framework? Because it includes several helpers:

  • A Bot Builder  (download from NuGet; see get started), which provides rich and full-featured SDKs for the .NET and Node.js platforms. The SDKs provide features that make interactions between bots and users much simpler. Bot Builder also includes an emulator for debugging your bots, as well as a large set of sample bots you can use as building blocks.
  • A Bot Framework portal that gives you one convenient place to register, connect, and manage your bot. It also provides diagnostic tools and a web chat control you can use to embed your bot on a web page.
  • The Bot Framework supports several popular channels for connecting your bots and people. Users can start conversations with your bot on any channel that you’ve configured your bot to work with, including email, Facebook, Skype, Slack, SMS:  they are getting more and more (e.g. Cortana channel).
  • You can take advantage of Microsoft Cognitive Services to add smart features like natural language understanding, image recognition, speech and more. Learn more about adding intelligence to your bot.

======================================================

The best way to start can be to look to the quickstarts page where you can find a detailed walkthrough for creating your first boot with your preferred option:

  1. Bot Builder SDK for .NET,
  2. Bot Builder SDK for Node.js,
  3. Azure Bot Service,
  4. REST API

=========================================================

Microsoft Bot Framework Documentation

Here you can access documentation on Node.js and .Net

BOT Framework documentation

BOT Framework documentation

=========================================================

Microsoft Virtual Academy

=========================================================

Channel9

All the latest releases of the bot framework, tech demos and key notes.

Apart from all above pluralsight realeased a course named Getting Started with Building Bots with Microsoft’s Bot Framework (using c#) This course bit old but it contains all the details to jump start. I hope they update the content soon 🙂

=========================================================

Code samples

To get the samples, clone the BotBuilder-Samples GitHub repository using Git.

  • Samples
  • BotBuilder samples repository: task-focused samples in C# and Node.js to help you get started with the Bot Builder SDK.
  • More samples in the SDK: Bot Builder SDK (C#, Node.js): the Microsoft Bot Builder SDK is one of three main components of the Microsoft Bot Framework.

=========================================================

Other useful links

  • Bot Framework Emulator (Debug bots with the Bot Framework Emulator)
  • F.A.Q. – Bot Framework Frequently Asked Questions (Question and Answer Bot)
    • If you already have a bot and would like to reach the Skype audience, your bot can easily be connected to Skype (or any supported channel) via the Bot Builder for REST API (provided it has an internet-accessible REST endpoint).
    • Direct Line is a REST API that allows you to add your bot into your service, mobile app, or webpage. You can write a client for the Direct Line API in any language. Simply code to the Direct Line protocol, generate a secret in the Direct Line configuration page, and talk to your bot from wherever your code lives. Direct Line is suitable for:

      • Mobile apps on iOS, Android, and Windows Phone, and others
      • Desktop applications on Windows, OSX, and more
      • Webpages where you need more customization than the embeddable Web Chat channel offers
      • Service-to-service applications
Pubblicato in Aziendali, Review e test, Windows | Lascia un commento