How to get GPS coordinates of a point from Microsoft Maps app

Sometime it useful to get the GPS coordinates of a point on a map or to find a place knowing them.

In this post we will see how to do using the Maps app available for free in all Windows 10 devices (PC/tablet/smartphones …):

  • Find a place knowing its GPS coordinates
  • Get GPS coordinates of a chosen point on the map
  • Get your current position GPS coordinates

___________________________

Find a place knowing its GPS coordinates

The second issue it is very easy: you only need to write latitude, longitude directly in the search place input. In the following you can see the screenshots taken from a Windows 10 PC/tablet and from Windows 10 Mobile smartphone. I have to stress that Maps app is an UWP app (Universal Windows app)  that is it is the same for all Windows 10 devices and so it dynamically changes its interface depending on the windows size/device type: so you can get a user interface very similar to the smartphone one, simply reducing the dimension of the app running on your PC!

Note that you have to search o point writing the GPS coordinate (latitude, longitude) comma separated and using the point for decimals (UK notation), for example 45.105911, 7.674172 as done in the following screenshots:.

Find a place knowing its GPS coordinates - PC/tablet (1)

Find a place knowing its GPS coordinates – PC/tablet (1)

Once got the pushpin in that location, you can then delete it simply clicking on X in the associated upper tab:

Find a place knowing its GPS coordinates - PC/tablet (2)

Find a place knowing its GPS coordinates – PC/tablet (2)

If you are using a Windows 10 Mobile smartphone (or set the Maps app window sufficiently small on you PC), here is the user interface you get:

Find a place knowing its GPS coordinates - smartphone (1)

Find a place knowing its GPS coordinates – smartphone (1)

Find a place knowing its GPS coordinates - smartphone (2)

Find a place knowing its GPS coordinates – smartphone (2)

_____________________________

Get GPS coordinates of a chosen point on the map

You can get GPS coordinates of whatever point on the map, simply adding a (temporary) pushpin on the map and then looking into its detail.

So, right click on the desired point, choosing “Add a pushpin” from the popup menu. A pushpin will be shown in that position and in a window will be available all details, including the GPS coordinates that you want to know!

GPS coordinates of a chosen point on the map (1) - PC/tablet (big window size)

GPS coordinates of a chosen point on the map (1) – PC/tablet (big window size)

GPS coordinates of a chosen point on the map (2 - PC/tablet (big window size)

GPS coordinates of a chosen point on the map (2) – PC/tablet (big window size)

Again, if you don’t need anymore that pushpin, you can delete it clicking on X in the upper bar.

GPS coordinates of a chosen point on the map (3) - PC/tablet (big window size)

GPS coordinates of a chosen point on the map (3) – PC/tablet (big window size)

If you have Maps app in a window sufficiently small, being a UWM app, its interface will adapt to better shows information on the available size: you have to click on the bottom bar associate with the created pushpin to get a full detail page on that position:

GPS coordinates of a chosen point on the map (1) - PC/tablet (small window size)

GPS coordinates of a chosen point on the map (1) – PC/tablet (small window size)

GPS coordinates of a chosen point on the map (2) - PC/tablet (small window size)

GPS coordinates of a chosen point on the map (2) – PC/tablet (small window size)

Maps on a Windows 10 Mobile smartphone looks similarly:

GPS coordinates of a chosen point on the map (1) - Smartphone

GPS coordinates of a chosen point on the map (1) – Smartphone

GPS coordinates of a chosen point on the map (2) - Smartphone

GPS coordinates of a chosen point on the map (2) – Smartphone

GPS coordinates of a chosen point on the map (3) - Smartphone

GPS coordinates of a chosen point on the map (3) – Smartphone

______________________________

Get your current position GPS coordinates

We see how to get GPS coordinates of whatever point on the map but, how to get your current position GPS coordinates?

If the localization feature is set to ON in the settings, there is already on the map a circle showing your current position but, strangely, if you click on it to see its details, those do not shows neither the GPS coordinates nor the accuracy of that detection!!      😦

The only way I found to let the current GPS coordinates be shown (other than creating a new pushpin nearby the already available circular icon!) is to share my current position and then look at the link provided in the shared text:

So, on the My current position details window, click on Share icon and choose, for example the Mail sharing. A new email will be created that include a text with a link to your current position: right-clicking on that link you can see an URL that shows both your current GPS coordinates and the precision of that detection (e.g. 272 ft; 457 m)

GPS coordinates of your current position (1) - PC/tablet

GPS coordinates of your current position (1) – PC/tablet

GPS coordinates of your current position (2) - PC/tablet

GPS coordinates of your current position (2) – PC/tablet

On the smartphone it look like the following:

GPS coordinates of your current position (1) - Smartphone

GPS coordinates of your current position (1) – Smartphone

GPS coordinates of your current position (2) - Smartphone

GPS coordinates of your current position (2) – Smartphone

GPS coordinates of your current position (3) - Smartphone

GPS coordinates of your current position (3) – Smartphone

 

Annunci
Pubblicato in Review e test, Windows, Windows Phone/Mobile | Lascia un commento

Fetch files available on your PC from OneDrive site

I already wrote a post on the new useful files on-demand feature (ex place-holder) since the Windows 10 Fall Creator OneDrive. In the current post I will give some information about a furthermore new feature now available in OneDrive, that is the capability to possibly access and fetch from the OneDrive site, all files from a PC connected to Internet … without installing anything.

This is a feature different from either the Remote Assistance (*), to let someone you trust take over your PC and fix a problem, or  the Remote Desktop Connection, to let someone connect to a computer running Windows from another computer running Windows that’s connected to the same network or to the Internet: in fact this feature allows you only to get files from every your remote PC from the OneDrive site … but it is very simple to set and use!

The detailed description of this feature can be found in this page of the Microsoft Support site and in the following I will give you only few glimpses …

To let this feature possible, you first have to check the Allow to use OneDrive to fetch file from this PC in the Setting windows available right clicking on the OneDrive icon available in the toolbar:

Then, going on your OneDrive from a browser, clicking on the left menu to the PC item, you will find a list of all the PCs where you set the previous feature on (e.g. PC name: HP-Enzo)

If you  click on your computer name, only the first time you will be asked to access with an access code that can be sent to you  with one of several options:

Once received the security code and inserted it in that browser page, you can browse inside te folders of your PC, possibly downloading some files locally on the PC you are using or uploading them in your OneDrive, so they can be possibly edited with Office online. Note that you cannot delete files/folders but you can see their properties.

 

Pubblicato in Aziendali, Review e test, Windows | Lascia un commento

How to let Outlook 2016 be opened when you click on a new email notification from the Notification Center

By default, when you click on a new email notification from the Notification Center, that email is opened using the Mail app. However, if you have Outlook 2016 locally installed, you may want to use it instead.

Notification Center: received e-mails

Changing that behavior is a matter of setting the predefined association in Setting -> Predefined App and you can easily reach that setting page searching to predefined app and selecting the option related to the e-mail case.

Search for “Predefined App” and choose the e-mail case

Settings -> Predefined Apps

Settings -> Predefined Apps – Select Outlook 2016

May be, the new setting should have effect only after some time (as it happened to me) or possibly after a reboot.

=====================

Note that there is also another settings option page related to what app is associated to every file extension type,: here you can find by default set to Outlook 2016 the following file extensions: .vcs .vcf .pst .oft .ics .hol .eml … and no one to Mail app.
But this settings is not related to the subject of this post, …  even though it can confuse!

 

P.S. This method doesn’t work to me (anymore?) … I am a bit confused, so I asked help to the Microsoft Community forum : let’s wait for some replies :-/

Someone suggested me to check the property “Make Outlook the default program for E-mail, Contacts, and Calendar” from the Outlook settings (following the steps on this link) … but it was already checked!

Some other good guy suggested the following workaround to turning the notifications on for the Outlook app, following the steps below:

  1. Go to Settings.
  2. Click System then Notifications & actions.
  3. Click on Outlook 2016.
  4. Check if Notifications is On and set the Show in action center switch On.

The issue still persisted, so I tried also to turn Mail app notifications off instead:

  1. Open Mail app then click Settings (gear icon on the bottom).
  2. Select Notifications.
  3. Turn off Show notifications in the Action Center to stop showing new emails in the Action Center.

However things continue not to work properly. As you can see from the following screenshots, now I succeeded to have ONE Outlook 2016 notification in the Notification Centre side bar (only the first one … then, for the following received emails, I did not receive anymore notifications in the Notification Center but only the temporary popup right bottom window): anyway that single email notification was greyed and clicking on it did not opened the related email with Outlook 2016, but simply disappeared from the Notification Bar, to appear again after a while, closing and re-opening the Notification Center side bar, always grayed and with the same strange behavior.

Waiting for some more suggestions … 😦

 

I even did the quick repair of Office 2016 but nothing changed in the behavior: as I said, each email notification is shown in the Notification center side bar but it is greyed and clicking on it only close that notification and does not open the email with Outlook 2016 …

Therefore I believe that there should be a missing integration of Outlook 2016 with the notification center. It is the only application I see having a notification grayed!

Pubblicato in Aziendali, Windows | Lascia un commento

Bots sample with speech recognition and synthesis

Some posts ago I wrote about the Microsoft Bot Framework, giving some useful links. Among others, there were the following, related to bots examples with Cortana, speech recognition and synthesis … there are not so many references online:

In this post I will give some more details related the TriviaBotSpeechSample in order to make it run and see most of the features related to speech recognition and synthesis. It is a very complex examples that make use of many features, like embed the bot in a custom UWP app, showing how to add the speech support in an app using the DirectLine channel. This channels allows to interact with the bot at a low level with specific APIs:  the library supports both UWP and C# applications in XAMARIN, to allow developers to include speech enabled conversations with bots across different platforms (native iOS, Android, Windows).

A good tutorial of that sample can be found in the bot framework portal (Speech Support in Bot Framework – Webchat to Directline, to Cortana) and the more relevant instructions to make it be deployed and see it work can be found in the instructions available in the GitHub repository of that solution. As said there, this sample contains two projects, a trivia bot (built on top of the Microsoft Bot Framework C# Builder SDK) and a UWP app (that talks to the bot using the Microsoft.Bot.Client NuGet package).

As this is a combined client/sample demo, there is a bit of setup required and in the following I will improve the available instructions available there, with some screenshots I did during the test I did together with a friend, … that possibly can help you! 😉

At the end , you can talk to the sample bot in multiple ways, all of which support speech input and output … I succeeded to make it run with all of them:

  1. Using the TriviaApp (UWP app) included in this sample and  simply hitting F5 in Visual Studio to run it.
  2. Using the bot framework emulator https://docs.microsoft.com/en-us/bot-framework/debug-bots-emulator.
  3. Host an instance of the Bot Framework WebChat client: https://aka.ms/BfWebChat
  4. Enabled the bot as a Cortana Skill. Simply enable the Cortana channel and provide an invocation phrase. Then make sure you are logged in to Cortana using the same Microsoft account, and say “Ask to start a game of trivia“. Cortana should trigger that bot!

========================================================================

First of all, be sure to update all libraries used in the solution, going in Visual Studio Tools -> NuGet Packet Manager -> Manage Nuget Packeges for Solution: otherwise, especially if you will use the latest emulator version, you will have the error shown in the following screenshot-.
Note that only one library (System.IdentityModel.Tokens.Jwt) cannot not be updated to the latest version because of some dependences that require a lower version of that package.

 

In order to  link the bot of the sample, it is convenient to choose the seccond options, otherwise it will be created and registered in Azure a new “basic” bot (and then you have to download the solution and substitute it with the one of the sample … so more wotk!).

If you are trying to create a  ID/password with your MSDN subscription done by your company, you will possibly receive the following error due to insufficient privilege: because I needed that codes only for a trial and not to publish a company app, I solved the problem generating them with my personal Microsoft account.

You need to set the bot handle in order it is unique, because the URL will be realoted to that name:

  • Enable the Direct Line channel in the bot settings page, Add a new site and paste a Direct Line secret in TriviaApp\BotConnection.cs file.

  • Reference to Bing recognition API, as requested by the code and related generated error.

  • Publish the Bot as an Azure App Service, and add the public endpoint (yourhosturl/api/messages) to the Bot Framework portal settings page. Make sure to use https instead of http in the url.

  • [Optional] To improve speech recognition for your bot: on http://dev.botframework.com/ go to the bot’s settings. In the “Speech recognition priming with LUIS” section you should see a list of LUIS apps associated with the account you are logged in with. Check the new LUIS app you created for this bot and hit save. This information is used to improve speech recognition when you speak to this bot and uses the Cognitive Speech apis for speech recognition. Speech recognition priming improves the recognition accuracy for the utterances and entities defined in your LUIS app for this bot.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Review e test, Windows, Windows Phone/Mobile | Lascia un commento

How to disable the default tracking of your position from Google

May be you don’t know that, since many years ago (let’s say at least since 2012) by default Google trace all the positions of your phone … therefore of you, because I am sure you always have your phone with you! This happened possibly after  asking you some agreements that, I am quite sure, you did not even read …

You can  find in the Google portal a page where, day by day, you can see (on a map) all the movements you did during every date, in any way (by car,  by bike,  by foot, …). There is also a section were Google states how your data will be used: I have to admit that I did not read that section … but, even though I can continue to believe in Fairies, how can I believe in what it is possibly stated there?  I am living in a real world, where knowledge is often power and power is money :-/

May be, you can think that it is not your case, so you are not traced, … but I am sure that you have an Android phone linked to your Google account (and/or Google apps that use your localization) and possibly you always leave active your smartphone GPS, even when you don’t really need it (e.g. no navigator is running).

I experimented that many friends of mine have the tracing feature set to on, without they even know the existence of that feature! So, may be it is better that even you check it, reading this post: as you will see, it is quite easy this check … once you know how to check it  … and possibly disable this unwanted feature. I don’t know if that disabling only effects the front end (i.e. you to see no more your data, but they are kept, in any case, in some Data Base, ready to be used). So, if you really care to your privacy, it is better to enable the GPS positioning ONLY when you really need it 😉

Anyway, let see how to check and possibly disable your “agreement” that your positions can recorded somewhere …

If you have a Gmail account, the easiest way is to access the Gmail site with a browser, click on you image (on the right top of the page) and access your Goggle Personal profile:

Access to your Google Personal profile page (e.g. from the icon, on the top right of Gmail Web page)

From that page, you can see the My activities section so, please, navigate into it:

My activities section on the Google personal account page

Then you have to select the Other Google activities item from the left menu:

My activities page

In Other Google activities page, you can find a sections related to your Position history, and you have to navigate in it:

Your Position history section

Your Position history section

Here you can see a map of all your places you visited and filter the year, month, day to see all your paths. In the following, there are some screenshots as an example of what you could possibly find. Selecting the proper day (e.g. selecting one bar), you can drill down and see all the paths you did in that day.

You can do the check even for years ago … and possibly you’ll be surprised how everything of your personal data is recorded!

=======================

So let’s see how to disable that “feature” that possibly you don’t want anymore (and never you wanted!): the following screenshots show the step by step procedure, but again, I don’t know if that disabling only effects you to see no more your data but they are kept in any case in some Data Base! So, if you care for your privacy, the better way is always to enable the GPS positioning ONLY when you really need it.

In setting off that function, your positioning should not be recorded anymore (but your past data remains recorded, as you can easily verify: if you want to delete (not see anymore?) past data, you can do it from another section.

Note that you have to agree twice to suspend the position history.

Possibly you would like to disable also other agreements like the recording of your Web and App activities and so on:

 

Pubblicato in Giustizia, burocrazia e malcostume, Just for fun!, Review e test | Lascia un commento

“Come disdire il canone RAI (e.g. per decesso dell’intestatario)” alias “come complicare la vita dei cittadini e rendere le procedure informatiche inutilmente complesse e utilizzabili solo da pochi”

Diversi sono i casi in cui è necessario attivarsi per non avere impropriamente addebitate le rate del canone RAI … automaticamente, per default: una di queste è in caso di decesso dell’intestatario del canone, magari un genitore che viveva per conto suo, come è stato nel mio caso.

Mi sono quindi attivato mesi fa, ricercando online la modalità per effettuare tale procedura di cessazione: come spesso avviene, avevo proceduto da un motore di ricerca con un search generico tipo “come cessare il canone RAI“. Probabilmente non avevo neppure provato a ricercare la risposta nel sito che teoricamente avrebbe dovuto fornire tale indicazione, vale a dire quello della RAI, … presupponendo già che molto probabilmente tale informazione, (seppur necessariamente presente) non sarebbe stata particolarmente evidenziata e quindi sarebbe stata difficilmente reperibile.

Avevo quindi trovato, non so dove,  il seguente modulo di autodichiarazione, con le indicazioni che doveva essere spedito per raccomandata, allegando copia sia del certificato di morte sia della carta di identità del dichiarante: ho quindi stampato, compilato e spedito il tutto alle poste.

Modulo di richiesta cessazione canone RAI (NON PIU' VALIDO)

Modulo di richiesta cessazione canone RAI (NON PIU’ VALIDO)

A distanza di un mese e mezzo, per posta ordinaria ricevo dall’Agenzia delle entrate la comunicazione seguente, alquanto criptica, da cui difficilmente si comprende a cosa si riferisca e soprattutto cosa si richieda: anche solo per il fatto che viene indicato solo un numero di canone televisivo (e non anche l’intestatario) non aiuta nella comprensione!
Suppongo comunque che sia un qualcosa relativo alla mia precedente richiesta di cessazione del canone di mio padre defunto … sebbene non sia del tutto sicuro della tipologia di quella notifica (forse per mie deficienze, ma provate anche voi a leggere il testo della comunicazione, che personalmente trovo troppo generica e poco chiara …): quel canone era il mio o quello di mio padre? Se era quello di mio padre, non era stato disdetto come richiesto? Perché?

Comunicazione dell'Agenzia delle entrate ... assai criptica!! :-(

Comunicazione dell’Agenzia delle entrate … assai generica e criptica!! 😦

Per fortuna viene indicato un numero verde a cui chiedere possibili chiarimenti: 800938362.
Così telefono e, dopo neppure tanta attesa, mi risponde un operatore che, fornendo il numero di contratto RAI indicato nel foglio, mi conferma che si tratta di una comunicazione relativa al canone di mio padre deceduto: la procedura di cessazione da me precedentemente effettuata non era più valida dal 2016, vale a dire da quando l’importo del canone viene effettuato tramite la bolletta telefonica.
Mi dice pure che la nuova procedura da effettuare è descritta nel sito www.abbonamenti.rai.it: sotto mia esplicita richiesta di dove esattamente trovare tale procedura in quel sito, mi dice che il link (Il modulo è scaricabile qui) si trova nell’ultimo riquadro in basso della homepage … non proprio nascosto ma neppure in primissimo piano, come supponevo! Aggiunge anche di eventualmente poi ritelefonare qualora avessi necessità di chiarimenti sulla sua compilazione, facendomi intendere che non sarebbe stata una banalità completare quella procedura!

Già che ci sono chiedo anche delucidazioni sui documenti da allegare con quella nuova procedura e mi viene detto che NON richiede più l’invio del certificato di morte, qualora la disdetta sia fatta per quel motivo, bensì solo l’invio della copia della carta d’identità del dichiarante: scoprirò poi, leggendo nel dettaglio le istruzioni, che l’invio della copia della carta di identità è necessario unicamente qualora la disdetta avvenga per via cartacea e non informatica.

Sezione di accesso alla Dichiarazione (nella homepage del VECCHIO portale)

Sezione di accesso alla Dichiarazione  presente in basso nella homepage del VECCHIO sito RAI (1)

Nel pannello scorrevole presente in alto, sempre nel sito RAI, veniva periodicamente comunque fornita la informazione seguente, che chiaramente indica come la procedura possa avvenire anche per via telematica tramite il sito dell’Agenzia delle entrate.

Sezione di accesso alla Dichiarazione (nella homepage del VECCHIO portale) (2)

Sezione della homepage del VECCHIO sito RAI (2)

Noto oggi che il portale è cambiato … e non necessariamente in meglio, almeno relativamente alla visibilità di quella informazione. Ora si deve infatti andare nella sezione Canone TV Ordinario RAI, andare quindi nel riquadro  Il Canone e premere link Dichiarazione sostitutiva relativa al canone di abbonamento alla televisione per uso privato. Scorrendo la pagina per visualizzare la sezione Dichiarazione sostitutiva, si arriva finalmente al link Clicca per la Dichiarazione sostitutiva relativa al canone di abbonamento alla televisione per uso privato:. Attualmente scarica il file relativo a giugno2017 (dich_sost_mod_giugno2017.pdf), ma potrebbe variare nel corso dei prossimi mesi visto il susseguirsi di modifiche nel sito!

Insomma ce la si può fare anche ora a trovare quella informazione … tuttavia, trattandosi di un qualcosa di utile a molti, probabilmente un link diretto e ben evidente nella homepage non farebbe sicuramente male: anziché migliorarne l’accessibilità, ora la si è oggettivamente peggiorata, anche solo rispetto a qualche giorno fa!!

Scaricare la dichiarazione sostitutiva per cessare canone RAI (1) (NUOVO portale)

Scaricare la dichiarazione sostitutiva per cessare canone RAI (1) (NUOVO portale)

Scaricare la dichiarazione sostitutiva per cessare canone RAI (2)

Scaricare la dichiarazione sostitutiva per cessare canone RAI (2)

Scaricare la dichiarazione sostitutiva per cessare canone RAI (3)

Scaricare la dichiarazione sostitutiva per cessare canone RAI (3)

La sezione seguente fornice poi esempi di compilazione di tale dichiarazione per i molteplici casi che si possono avere: sono ben 19 esempi di diversa possibilità di compilazione e questo già implicitamente, secondo me, dimostra il livello di burocrazia che il meccanismo attualmente adottato richiede!  (NOTA: sicuramente per un bug, attualmente questi 19 esempi sono presentati in due omonime sezioni adiacenti, chiamate entrambi “Esempi di compilazione della dichiarazione sostitutiva relativa al canone tv“, la prima contenente gli esempi dall’1 al 14, la seconda contenente quelli dal 15 al 19)
Consiglio vivamente di ricercare tra quegli esempi, il caso specifico che rientra nella propria situazione: in particolare, qualora si desideri la cessazione per decesso dell’intestatario, gli esempi 9 e 18 sono quelli che contemplano le due specifiche modalità di compilazione. Sottolineo che, se non avessi visto l’esempio che faceva il caso mio e non avessi poi interpretato poi di conseguenza i passi richiesti dalla procedura informatizzata, personalmente dubito che sarei riuscito a compilarla correttamente, anche richiedendo l’aiuto al numero verde (quando mi sono imbattuto in un problema nell’inserimento informatizzato della richiesta, non mi è stato assolutamente di aiuto!!).

La procedura che prevede l’invio cartaceo della autodichiarazione risulta comunque più dispendiosa sia in termini di tempo sia di denaro (contemplando un invio del tutto per raccomandata, e richiede anche di allegare la fotocopia della carta di identità del dichiarante. Perciò ho optato per la modalità telematica tramite il sito dell’Agenzia delle entrate: attualmente questo è il link diretto. per accedere alla pagina per inoltrare tale dichiarazione, dopo essersi autenticato.

Purtroppo penso che non molti cittadini hanno effettuato la procedura per poter avere accesso ai servizi presenti nel sito dell’Agenzia delle entrate, e quindi devono necessariamente scaricare il modulo dal link presente sul sito della RAI: per fortuna io avevo da tempo già effettuato tale registrazione e ero in possesso di password ed apposito PIN dispositivo 😉
Se ancora non l’hai fatto, ti consiglio comunque di registrarti al portale dell’Agenzia delle entrate (seppur non si tratti di una procedura indolore) in quanto risulta sicuramente utile in molteplici occasioni .. ed anche solo per la disdetta del canone RAI, qualora tu rientri nei casi di esonero indicati dai 19 esempi: infatti tale procedura deve essere effettuata per tempo tutti gli anni (eccetto nel caso di cessazione per decesso), … con relativa spesa di raccomandata qualora non si adotti la modalità informatizzata!

Dal sito dell’Agenzia delle entrate si legge anche “La dichiarazione sostitutiva presentata dal 1° luglio 2016 al 31 gennaio 2017 esonera dal pagamento dell’intero canone dovuto per l’anno 2017. La presentazione dal 1° febbraio al 30 giugno 2017 esonera, invece, dal pagamento del canone dovuto per il secondo semestre 2017.
Per gli anni successivi i termini di efficacia delle dichiarazioni di non detenzione sono i seguenti:

  • dichiarazione presentata dal 1° febbraio al 30 giugno: esonera dall’obbligo di pagamento per il secondo semestre dello stesso anno
  • dichiarazione presentata dal 1° luglio al 31 gennaio dell’anno successivo: esonera dall’obbligo del pagamento per l’intero anno successivo (per esempio, una dichiarazione presentata nel novembre del 2017 avrà effetto per il canone del 2018)“.

Si noti poi che, come specificato nel modulo della dichiarazione, che l’invio via posta deve essere fatto tramite raccomandata senza busta, una modalità alquanto “strana” che non sapevo neppure esistesse: il foglio della dichiarazione e quello della carta di identità del dichiarante (con entrambe le facciate della carta di identità su un medesimo lato del foglio – altrimenti dovrai rifare la fotocopia –, in modo da lasciare in bianco uno dei lati, che deve poi essere utilizzato per scrivere l’indirizzo, una volta piegato  il tutto e pinzato!!) vengono piegati e poi pinzati, scrivendo l’indirizzo di destinazione sul lato esterno di uno dei fogli (che DEVE risultare in bianco) … il tutto alla modica cifra di più di 8€!!!

Ad esempio da questo sito si leggono le istruzioni precise di come effettuare il tutto: Bisogna prendere i fogli da spedire spillati tra loro, avendo cura di mantenere l’ultima facciata, quella posteriore, completamente bianca. Il plico di figli va piegato in tre parti a soffietto in 3 sezioni di uguale dimensione avendo cura che la parte scritta rimanga all’interno e la parte bianca esterna. Il soffietto creato dal plico può essere chiuso da un punto di spillatrice sui lati più corti, per fare in modo che non venga aperto e letto.   Sulla parte bianca scrivere l’indirizzo del destinatario, in questo caso Agenzia delle Entrate Ufficio di Torino 1 S.A.T. – Sportello abbonamento tv – casella postale 22 – 10121 Torino, e andare all’ufficio postale a spedire la raccomanda con ricevuta di ritorno. La ricevuta che vi rilascerà l’ufficio postale andrà conservata insieme alla ricevuta di ritorno che riceverete dall’Agenzia delle Entrate.”

Perché poi richiedere una raccomandata senza busta che costa di più, … qui puoi leggere (se credi, io non l’ho fatto!) ipotetiche motivazioni :-/

Dichiarazione sostitutiva relativa al canone di abbonamento alla televisione per uso privato dove viene specificato che, in caso di invio per servizio postale, deve avvenire con RACCOMANDATA SENZA BUSTA

Insomma, se volevano rendere le cose complicate e costose, ci sono riusciti alla perfezione!!

===========================================================

Gli screenshot mostrati nel seguito mostrano, step by step, come inoltrare telematicamente tale dichiarazione, una volta autenticatisi nel portale dell’Agenzia delle entrate con il proprio account.

Segui i passi che ti indico, perché anche qui, almeno nel caso di dichiarazione per decesso, ci si può imbattere negli immancabili ostacoli che potrebbero indurti a buttare la spugna ed optare per la modalità cartacea: telefonare al numero verde indicato (800938362) potrebbe poi non risultare di particolare aiuto se, come è successo a me, l’operatore (una volta presentatogli il problema riscontrato) ti consiglia lui stesso di optare per la classica modalità cartacea, dal momento che riceve un gran numero di telefonate di persone che hanno problemi con l’inoltro per via informatica!!

… e viene da chiederti: ma l’informatica non dovrebbe facilitare la burocrazia e rendere più agevole le procedure che il cittadino deve rispettare? Non è che, forse, l’implementazione non è stata adeguata al target degli utilizzatori e/o la logica pensata per quella procedura sia troppo complessa per risolvere la “semplice” richiesta che il cittadino deve inoltrare?

Per giungere alla pagina relativa all’inserimento informatico della dichiarazione, conviene ricercare nel menù, la sezione Cosa devi fare, procedere quindi in Richieste, istanze e interpelli ed infine selezionare Canone TV:

Come inoltrare la dichiarazione con la procedura informatica (1)

Come inoltrare la dichiarazione con la procedura informatica (1)

Come inoltrare la dichiarazione con la procedura informatica (2)

Come inoltrare la dichiarazione con la procedura informatica (2)

Come inoltrare la dichiarazione con la procedura informatica (3)

Come inoltrare la dichiarazione con la procedura informatica (3)

Si noti che, anche nel sito dell’Agenzia delle entrate, esiste un’apposita sezione che descrive gli Esempi di compilazione, i medesimi 19 presenti nel sito della RAI: come già evidenziato, è assai opportuno visionarli per comprendere come compilare correttamente tale dichiarazione nel caso specifico di interesse.

In particolare, nel seguito, mostro gli esempi 9 e 18 relativi al caso di decesso, in quanto nel seguito andrò a dettagliare la procedura in quel caso specifico che era quello di mio interesse e che quindi ho sperimentato direttamante, anche se la procedura non penso differisca molto negli altri casi.

Come inoltrare la dichiarazione con la procedura informatica (4)

Come inoltrare la dichiarazione con la procedura informatica (4)

Esempi per dichiarazione in caso di decesso (1)

Esempi per dichiarazione in caso di decesso (1)

Esempi per dichiarazione in caso di decesso (2)

Esempi per dichiarazione in caso di decesso (2)

Una volta autenticati nel portale, e selezionata la voce del menù a destra Dichiarazione sostitutiva (invio online), si può accedere a tale servizio selezionando l’apposito bottone Accedi al servizio:

Accesso alla sezione di inoltro della dichiarazione sostitutiva (invio online)

Accesso alla sezione di inoltro della dichiarazione sostitutiva (invio online) (1)

… oppure ci puoi arrivare anche per altra strada, ma forse in modo più complicato  ;-(

Accesso alla sezione di inoltro della dichiarazione sostitutiva (invio online) (2)

Accesso alla sezione di inoltro della dichiarazione sostitutiva (invio online) (2)

Vediamo ora il wizard per l’inserimento dei dati e quindi l’inoltro informatizzato di quella autodichiarazione:

Wizard per l'inoltro dei dati della dichiarazione (passo 1)

Wizard per l’inoltro dei dati della dichiarazione (passo 1)

Nel caso si debba compilare la dichiarazione in caso di decesso (in cui si deve compilare solo il Quadro B, come mostrato negli esempi relativi a quel caso), risulta  essenziale selezionare Quadro B al passo 1 (e non procedere lasciando la selezione di default relativa al Quadro A)!! Diversamente si giunge, al passo successivo, comunque al form dei dati del dichiarante, ma quindi, anche indicando il codice fiscale del defunto, al passo successivo, relativo al Quadro A, viene richiesto necessariamente, per proseguire al passo successivo, di selezionare una delle due opzioni: diversamente salta fuori una finestra di popup bloccante. … ma nel caso di recessione in caso di decesso, nell’esempio di compilazione viene indicato chiaramente che non deve essere selezionato nulla in quel Quadro A!! Inutile, come già detto, chiedere delucidazioni al numero verde che si è nel mio caso limitato a consigliarti di usare la modalità cartacea, ricevendo lui stesso diverse telefonate di persone che non riescono ad operare e completare la procedura per via informatica ed quindi ipotizzando un malfunzionamento di quel sistema!

Basterebbe invece veramente poco inserire un check sul fatto che uno ha inserito o meno il codice fiscale del defunto ,per evitare questa problematica bloccante. Si noti che, nel secondo passaggio della procedura, il campo di inserimento del codice fiscale del defunto viene comunque,  presentato come compilabile … e questo anche scegliendo il Quadro A (selezionato di default) … sebbene, nel caso in cui il Quadro A deve essere compilato, non rientri nella richiesta di cessazione per decesso!!

Comunque se si sceglie fin dall’inizio, nel passo 1,  la compilazione del Quadro B, si riesce a completare la procedura, … ma viene proprio da chiedersi perché un modulo elettronico, che deve essere compilato da un cittadino generico, debba essere così mal congeniato!!

Wizard per l'inoltro dei dati della dichiarazione ( passo 2)

Wizard per l’inoltro dei dati della dichiarazione (passo 2)

Nel seguito viene appunto mostrato la popup bloccante che compare se, avendo iniziato il wizard lasciando al passo 1 impostata la scelta del Quadro A (come da default), non si è poi selezionata nel passo 3 nessuna delle checkbox presenti nel Quadro A (come da procedura di esempio nel caso di decesso).
(NOTA: anche se sono disegnate come checkbox, risultano funzionalmente implementate come radiobutton, non prevedendo la possibilità di scelta multipla)

Wizard per l'inoltro dei dati della dichiarazione (passo 3): se si è selezionato al passo 1 Quadro A, risulta obbligatorio selezionare almeno una delle checkbox per procedere, anche se uno al passo 2 ha indicato il codice fiscale del decaduto

Wizard per l’inoltro dei dati della dichiarazione (passo 3): se al passo 1 si è selezionato  Quadro A, risulta obbligatorio selezionare almeno una delle checkbox per procedere, anche se uno al passo 2 si è indicato il codice fiscale del decaduto

Wizard per l'inoltro dei dati della dichiarazione (passo 3)

Wizard per l’inoltro dei dati della dichiarazione (passo 3)

Wizard per l'inoltro dei dati della dichiarazione (passo 4)

Wizard per l’inoltro dei dati della dichiarazione (passo 4)

Wizard per l'inoltro dei dati della dichiarazione (passo 5)

Wizard per l’inoltro dei dati della dichiarazione (passo 5)

Wizard per l'inoltro dei dati della dichiarazione (passo 6)

Wizard per l’inoltro dei dati della dichiarazione (passo 6)

Concludo, infine, constatando che purtroppo le procedure per agevolare le incombenze del cittadino non siano ancora del tutto adeguate: speriamo migliorino nel tempo!

😦

Pubblicato in Giustizia, burocrazia e malcostume, Review e test | Lascia un commento

Protetto: Come estendere la pagina delle Timbrature Online in modo che mostri il monte-ore settimanale

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Pubblicato in Aziendali, Review e test, Windows