Come smaltire a Torino animali domestici morti … ed il business della loro cremazione.

La morte di un animale domestico, fosse anche solo un criceto, è un evento triste sia per i bambini sia per le persone adulte che ancora sanno amare gli animali. La cultura della società in cui viviamo troppo spesso fa in modo che uno percepisca un animale come un oggetto e quindi, in quanto tale, di una qualche utilità pratica che esula dal sentimento: si acquistano quindi animali di razze particolari in quanto “belli” e magari esclusivi, si utilizzano per fare la guardia ad una proprietà (e.g. cani) o per abbellire e rendere interessante una struttura commerciale (e.g. pappagalli).

Un animale domestico è in realtà ben altra cosa: sa trasmetterti, con naturalezza e sincerità, tutto quell’affetto che può e questo ovviamente è commisurato al tipo di animale, sebbene sia sempre presente.

Pur abitando in città, fin da piccolo ho avuto animali a partire dai criceti: ancora oggi mi ricordo quando, piccolissimo, la mia Ciccettina (così si chiamava) partorì un numero incredibile di piccoli che dopo pochi giorni erano già indipendenti e capaci di fare tutto ciò che serve loro per vivere … mentre io, dopo anni, ero ancora completamente dipendente dai genitori. Mi ricordo ancora oggi che ciò mi aveva fatto pensare!
Anche a mia figlia ho quindi, fin dalla tenera infanzia, dato la possibilità di confrontarsi con animali domestici che spesso risultano utili allo sviluppo ed addirittura sono terapeutici (anche gli asini sono spesso utilizzati in comunità terapeutiche).

Ma torniamo al tema del post. Ci è morto uno degli animali di casa, Tamburino, un bel coniglietto nano, tutto bianco, affettuosissimo e coraggiosissimo. Nel giro di due giorni ci ha lasciato e a nulla è servito portarlo dal veterinario non appena ci siamo resi conto che non stava bene. Per chi non ha avuto un coniglietto, sembrerà assai strano che un animale usualmente considerato cibo, sappia darti tanto, ma chi ne ha avuto uno sa bene di cosa sto parlando …

Una volta morto mi è toccato l’ingrato compito di smaltire adeguatamente il suo corpo. Ho telefonato quindi al numero verde dell’AMIAT (la società di smaltimento rifiuti della mia città) per sapere come fare, pensando che, come esistono aree di smaltimento per pile o olii, esistesse anche un centro di raccolta in cui portare gli animali domestici morti. L’operatrice, un po’ stupita della domanda (evidentemente considerata anomala), mi chiede di attendere e dopo qualche tempo torna con una risposta al mio quesito: dovevo telefonare ad uno dei seguenti numeri dell’ASL TO1 (011 70958953/54/55) in quanto erano loro ad occuparsi di tale smaltimento.
Telefono quindi al primo dei numeri fornitomi e mi risponde un signore, rivelatisi in seguito molto gentile, che si presenta con “Sardigna, cosa desidera?“. Quasi certo di aver sbagliato numero, spiego il mio problema e gentilmente mi dice che da tempo loro non offrono più tale servizio non avendo più un inceneritore autorizzato, per cui era necessario rivolgersi ad enti privati. Cercando poi in seguito su Internet trovo poi che effettivamente “dal 1° settembre 2007 è stato chiuso l’impianto di termodistruzione di carcasse animali in funzione presso la Sardigna di Torino (via San Germagnano 48, Torino)“. In   una pagina del vecchio sito dell’Enpa (riportata in fondo) leggo che quel servizio pubblico è durato per almeno 30 anni. Trovo anche un modulo che sembra indicare che ora si occupi, per conto dell’ASL TO1, della cattura di animali in telenarcosi …

Cerco quindi su Internet l’elenco degli enti e in questa pagina di InformAmbiente del sito della Città di Torino trovo un’apposita sezione dedicata a “La morte di un animale” dove viene detto “Per richiedere l’elenco delle ditte specializzate può rivolgersi all’ASL TO1, Via San Domenico 22/a – tel. 011 5663204/5663110“.  Nel medesimo sito viene anche specificato “Nel caso in cui il nostro animale d’affezione venisse a mancare la legge impone l’obbligo di provvedere alla sistemazione definitiva del corpo, vietandone l’abbandono, lo scarico o l’eliminazione incontrollata (in Italia, questa violazione é punita ai sensi del D.Lgs. n. 36/2005 art. 4, che prevede una sanzione amministrativa che può arrivare fino a euro 28.000,00). Le spoglie possono essere interrate in un terreno di proprietà (non vale per gli equini) o in alternativa smaltite in centri di cremazione o di sepoltura appositamente autorizzati dalle autorità competenti per il territorio. Gli animali randagi quali cani, gatti e volatili, trovati morti sul territorio cittadino, vengono raccolti dal Comune tramite il Canile Municipale di Via Germagnano 11. Le segnalazioni devono essere rivolte al Comando di Polizia Municipale (pronto intervento pattuglie, tel. 011 0111) che attiverà il Canile“.

Telefono quindi a quel numero (011 5663204) dell’ASL TO1, dove mi viene confermato (anche qui aspettando un po’ la risposta per via della “strana” richiesta) che ci si deve rivolgere ora a ditte private autorizzate e mi viene indicato, in particolare, il numero 3339019360. Al mio stupore che ci si debba rivolgere solo a dei privati per un qualcosa di così utile alla società, non sa purtroppo che darmi ragione, dispiaciuto sinceramente.
Tuttavia, provando a telefonare a quel numero indicatomi, ricevo la comunicazione automatica che si tratta di un numero disabilitato alle chiamate entranti.

A questo punto, sufficientemente allibito, mi decido a chiedere via chat ad un amico, che so essere amante degli animali, per ricevere qualche indicazione, sperando che in passato abbia già purtroppo aver dovuto affrontare la stessa problematica. Mi risponde a breve dicendomi di non possedere informazioni a tale riguardo e consigliandomi (come avevo fatto a non pensarci io prima!!) di contattare la veterinaria che sicuramente sapeva come fare.
Così ho fatto e gentilmente mi viene detto che il loro studio si appoggia ad una delle ditte autorizzate, l’Arca Ecologica, ed io potevo o portare da loro la carcassa (che sarebbe stata poi da quelli ritirata), o contattarli direttamente al numero 3339019368 e portando io stesso il tutto nella loro sede in via del Francese 70b: noto subito che il numero è quasi identico a quello fornitomi dall’operatore dell’ASL TO1, ad eccezione dell’ultima cifra, che ora è quella corretta.
Telefono a l’Arca Ecologica  e mi viene detto di portare pure il tutto in quanto era un orario di apertura: alla mia richiesta del costo, mi viene detto che, se lo porto io, il costo per la cremazione di un coniglietto nano è di 25€. Fortunatamente ero in ferie per cui non ho avuto problemi ad attivarmi immediatamente: sembrandomi una cifra non indifferente per smaltire un animaletto che, quando comprato in un negozio di animali, mi era costato 15€ (comprensivo del costo dell’allevatore, del cibo e del guadagno negoziante), vado a cercare il sito di quella ditta e scopro che quella “A partire dal mese di Agosto 2008, è presente a Torino anche con il forno inceneritore riconosciuto ai sensi del REG.C.E. 1069/2009 per la cremazione singola di animali d’affezione” (quindi poco dopo la chiusura del 2007 dell’inceneritore de Sardigna dell’ASL TO1) e che “Sono al servizio del cittadino e degli ambulatori veterinari dal mese di Marzo 2002, per la raccolta ed il trasporto alla termodistruzione di animali da compagnia e prodotti di origine animale“. Guardo la pagina dei prezzi e vedo che per una cremazione singola (l’unica di cui viene fornita indicazione dei prezzi) viene chiesto dai 150€ (per gatti, conigli, cani di piccola taglia fino a 5 Kg), fino a 250€ per cani di grossa taglia: viene specificato che, “al termine della cremazione, le ceneri verranno consegnate al proprietario all’interno di un’urna“. Viene infine in calce poi precisato che per l’utente non interessato all’incenerimento singolo, potrà usufruire del servizio smaltimento collettivo a tariffe molto inferiori“, senza alcuna specificazione di prezzi.

Mi sento quindi quasi fortunato della cifra indicatami telefonicamente e non mi chiedo neppure quanto sarebbe costato smaltirlo portandolo dal veterinario con successiva consegna al vettore dell’ente. Vado quindi in Strada del francese 70b e trovo la piccola insegna della ditta, collocata in una parte rientrante di un capannone, in una zona industriale molto periferica. Ad accogliermi c’è un signore che, vedendomi con il pacchetto in cui avevamo riposto Tamburino, comprende ovviamente il perché della mia venuta e mi chiede: “Vuole solo lasciarlo?“. Comprendo allora che la richiesta è se non desidero la cremazione singola da 150€ vista sul sito, … mi affretto a rispondere affermativamente sperando a questo punto di ottenere il servizio “semplice” che mi era stato indicato telefonicamente. Dopo aver posato il sacchetto in un locale adiacente, mi si avvicina (con un sogghigno, … o almeno così l’ho percepito) e, senza proferire parola, allunga una mano ad indicare che ora dovevo pagare. Chiedo quindi esplicitamente la ricevuta, sinceramente dubitando che mi fosse fornita se avessi pagato a se stante. Mi porta quindi nell’ufficio adiacente e, prendendo da una borsa il blocco delle ricevute, me la compila: mi chiede quindi se volevo anche un qualsivoglia documento di cui ignoravo l’esistenza, per cui rispondo che desideravo ovviamente avere tutto quello che era previsto dalla procedura. Mi dice che non sarebbe stato necessario, trattandosi di un animale senza microchip identificativo, ma che me lo avrebbe comunque fatto. Nel mentre, guardandomi intorno, vedo decine di piccole urne (la maggior parte di legno grezzo) di ceneri di animali, etichettate con il nome del defunto … urne degli animali il cui il padrone aveva richiesto una cremazione “singola”: rimango allibito.

Esco infine da quel luogo alquanto disgustato, soprattutto dal business generato da una mancanza di un analogo servizio pubblico territoriale, un tempo esistente e durato almeno 30 anni di anni come attesta una pagina del vecchio sito dell’Enpa che riporto in fondo.

Mi chiedo anche quanti cittadini, seppure volenterosi e coscienziosi, sono stati, sono e saranno disposti ad una trafila quale quella da me precedentemente descritta (per non parlare poi del costo) o magari hanno preferito, preferiscono o preferiranno utilizzare un cassonetto, nonostante le chiari indicazioni del Comune e il pericolo di multe (oggettivamente basso). Se da un lato infatti mi sembra persino eccessivo che lo smaltimento di mobili e quant’altro sia effettuato gratuitamente (anche a domicilio) dal servizio pubblico (AMIAT), dall’altro mi sembra assurdo che non esista un servizio pubblico per lo smaltimento di animali domestici morti, demandando il tutto ad enti privati che ovviamente approfittano di questa occasione di business: questi ultimi pure potrebbero esistere, qualora uno voglia un funerale singolo, ma sarebbe una scelta, non un’imposizione.
Mi chiedo infine: e se uno deve smaltire della carne comperata in un negozio di macelleria, magari un pollo o un coniglio che si conservava in un congelatore e poi è andata a male (e.g. per via di un blackout), che cosa deve fare?? Usare l’indifferenziato/organico … o portarlo all’inceneritore privato pagando 25€ per un pollo/coniglio pagato pochi euro al supermercato?? Penso che della carne andata a male sia batteriologicamente più pericolosa di un animale domestico appena morto … ma forse mi potrei sbagliare!

Penso proprio che quando mi troverò in una analoga situazione, opterò per la seconda opzione legale di smaltimento indicata nel sito della Città di Torino, vale a dire “interrare in un terreno di proprietà“, magari chiedendo ad un parente/amico che ha un giardino o un campo privato.

==========================

In una pagina del vecchio sito dell’Enpa di Torino (ancora comunque visibile su Internet) si leggono ancora le seguenti informazioni, oramai purtroppo obsolete, che attestano come la situazione fosse assai differente prima del 2007:Quando muore uno dei nostri amici animali, occorre informarsi presso il servizio veterinario del proprio Comune di residenza le modalità’ per la cremazione del corpo della bestiola. Riportiamo qui le modalità’ da seguire per il caso del Comune di Torino. Da circa 30 anni esiste a Torino un servizio pubblico di raccolta ed incenerimento degli animali morti, che dipende attualmente dal Servizio Veterinario dell’Azienda U.S.L. 4: la Sardinia.
Questo servizio è ubicato in via Germagnano n. 48, dietro la sede dell’AMIAT.
La Sardinia provvede prevalentemente alla raccolta ed all’incenerimento degli animali di affezione della Città di Torino: cani, gatti, canarini, ecc.
In caso di necessità, si occupa anche di distruggere i corpi degli animali morti per malattie infettive nella Provincia.
Al cittadino, che qui si rivolge per il proprio animale, viene rilasciato un certificato di avvenuto incenerimento.
Nelle ore in cui la Sardinia è chiusa, si possono depositare gli animali in due contenitori posti all’esterno della stessa.
Esiste inoltre un servizio di “Pronta disponibilità” 24 su 24, per cui in casi eccezionali (es.: ribaltamento di un camion sull’autostrada, in cui muoiano degli animali), telefonando al centralino della Polizia Municipale, vengono immediatamente reperite le due persone addette. Il cittadino può richiedere l’intervento della Sardinia al centralino della Polizia Municipale, oppure al servizio stesso.
La Sardinia è in via Germagnano n.48 – tel. 2621664;
La Polizia Municipale è in c.so XI Febbraio 22 – tel. 4606060
La Sardinia è aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7 alle ore 19; il sabato dalle ore 7 alle ore 17.”

Altri link utili:

===================

Ricevuta 1

Ricevuta 1

Ricevuta 2

Ricevuta 2

===================

Lascio infine alcune delle immagini di Tamburino, che sicuramente non avrebbe mai pensato che fosse così difficile e costoso smaltire le sue povere spoglie …

Tamburino da piccolo

Tamburino da piccolo (1)

Tamburino da piccolo (2)

Tamburino da piccolo (2)

970302_10201628398287295_979916748_n 1002360_10201621433473179_915506894_n 1006318_10201621341950891_1864246436_n 1016974_10201607862813921_725474820_n 1098149_10201621325790487_1357014507_n 1655892_10205759029830502_6518655245609203756_n 1891091_10203042682963528_1123306632_n 11209345_10206945020359524_4000403420658821652_n 11834963_10207040504946579_5495875356921073275_o 13719660_10209839369436442_1212672797411845839_o   13913547_10209715437818229_3721587261642819159_o capturea captureb

Video

Annunci

Informazioni su Enzo Contini

Electronic engineer
Questa voce è stata pubblicata in Giustizia, burocrazia e malcostume. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Come smaltire a Torino animali domestici morti … ed il business della loro cremazione.

  1. Sandra ha detto:

    È una tristezza l accaduto che il.piccolo tamburino possa essere al ponte arcobaleno ed essere ancora felice

Lascia un Commento/Leave a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...