Come stampare con il CloudPrinting da una postazione non griffon

Da qualche tempo l’uso delle stampanti aziendali può avvenire solo tramite un servizio di CloudPrinting che ha l’indubbio vantaggio di poter inviare la stampa e poi stampare da una qualsiasi stampante presente su un determinato edificio aziendale, semplicemente utilizzando il proprio badge aziendale ed andando quindi a vedere la propria coda di stampa (Applicaz. -> Follow-You – Selez.  Tutto – Stampa). Ovviamente questa modalità  consente di tracciare le stampe di ciascuno, garantendo così un uso appropriato di tali risorse aziendali.

WP_20160321_18_01_20_Rich

WP_20160321_18_01_28_Rich  WP_20160321_18_01_54_Rich

La configurazione dei server di stampa avviene quasi automaticamente nei PC personali griffon: diverso è il discorso se un dipendente desidera stampare da un PC di laboratorio o comunque non griffon.

In questo caso si può procedere come segue:

Scaricare da qui il SW CloudPrintingApp (che consente il Cloud Printing) che si trova andando, dopo opportuna autenticazione, nella sezione Altro.

NOTA: il numero richiesto della PDL deve essere preso andando sulla intranet Utility Aziendali -> Servizi per il PC -> Noi Griffon, seleziona il portatile in tuo possesso e considera l’asset number

print13print14print15

print12

print2

print3

Effettuare quindi l’installazione di tale applicazione: nel menu di Start comparirà tra le app installate. In Windows 10 e Windows 8 sicuramente l’installazione avviene semplicemente facendo un doppio click su CloudPrintingApp1_1.msi. Su Windows 7 potrebbe essere necessario lanciarlo da un Command Prompt (lanciato come amministratore – tasto destro->lancia come amministratore) [vedi, ad esempio, questo video]:

C:\Windows\system32>msiexec /i “C:\…\myapp.msi”

Cloud Printing app

Cloud Printing app

Lanciare tale app e seguire il wizard proposto che richiede di inserire la sede dove si desidera stampare.

print5

print6

 

Una volta selezionata la sede, premere il tasto Configura.

Configurazione stampanti avvenuta con successo

Configurazione stampanti avvenuta con successo

Generalmente le code opportune vengono caricate automaticamente, almeno così è avvenuto sul mio PC con Windows 10.

print17

Qualora ciò non avvenisse, e la configurazione stampanti non avvenga con successo, si possono montare le code mancanti da linea di comando tramite il comando Run (dal menù che compare con un right click sul pulsante di Start) e quindi autenticandosi con il login griffon (dominio\user): i path da utilizzare sono quelli trovati relativamente alla propria sede.

Configurazione stampanti fallita

Configurazione stampanti fallita

Ad esempiop le seguenti code sono quelle relative alla sede di Torino, via Reiss Romoli:

  • \\telcpps01pva01.telecomitalia.local\PVA01-1-EQ01
  • \\telcpps02pva01.telecomitalia.local\PVA01-1-EQ02
  • \\telcpps02pva01.telecomitalia.local\PVA01-2-EQ02
  • \\telcpps03pva01.telecomitalia.local\PVA01-2-EQ03

Conviene salvarsi su un qualche file i path che vengono trovati relativi alle code di stampa del proprio edificio: infatti talvolta (ad es. dopo avere aggiornato la propria password aziendale o anche in altre circostanze, risulta necessario reimpostare tali code di stampa effettuando il run di ciascuna delle medesime).
Infatti, se si conosce già il path delle code di stampa (nella mia sede quelle elencate precedentemente come individuate dall’app CloudPrintingApp1) per far sì che tutto funzioni, si può anche solo effettuare il Run delle code suddette per averle installate  … e questa è la procedura sicuramente più veloce da fare quando scade la password e si devono ricreare tali code che richiedono l’autorizzazione dell’utente con le nuove credenziali (che infatti verranno richieste dopo aver premuto il tasto di OK nella finestra di Run).
Nota che potrebbe anche essere necessario ricreare tali code di stampa anche quando viene effettuato un update sostanziale del sistema operativo (e.g. passaggio da Windows 7/8.1 a Windows 10 o un suo aggiornamento, se si è insiders anche solo da una versione preview a quella successiva) o in altre circostanze.

(1) Mount delle code di stampa: Run

(1) Mount delle code di stampa: Run

(2) Mount delle code di stampa da linea di comando: richiesta credenziali)

(2) Mount delle code di stampa da linea di comando: richiesta credenziali)

(3) Mount delle code di stampa da linea di comando: download del driver

(3) Mount delle code di stampa da linea di comando: download del driver

(4) Mount delle code di stampa da linea di comando: coda di stampa

(4) Mount delle code di stampa da linea di comando: coda di stampa

Se ancora non funzionasse la coda di stampa relativa al cloud printing, è necessario cancellarla per poi ricrearla analogamente a come mostrato qui sopra.

Cancellazione delle code di cloud printing per poi ricrearle successivamente (procedura non sempre necessaria)

Cancellazione delle code di cloud printing per poi ricrearle successivamente (procedura non sempre necessaria)

Al termine della procedura, quando si richiede una stampa, verrà proposta la coda di stampa precedentemente configurata analogamente a quanto avviene su un PC griffon.

print4   print8

 

ATTENZIONE: quando si cambia la password di dominio (ad esempio quando necessariamente scade ogni 3 mesi) le code di stampa si devono prima cancellare (ad esempio dal Device Manager o da su Control Panel -> Devices and PrintersRemove Device) e poi ricreare (usando sempre il SW CloudPrintingApp o facendo anche solo semplicemente il Run per ciascuna, come indicato precedentemente, ).

print20

Disinstallazione coda di stampa

In alternativa si può modificare la password andando in Control Panel -> User Accounts -> Credential Manager  [IT: Gestione Credenziali Windows] – Edit relativamente alle Windows Credentials relative a quelle code: si noti che queste sono presenti nella lista su un PC Windows 7 mentre non compaiono su un PC Windows 10 (dove tra l’altro, come già sottolineato, al procedura di installazione delle code è subito andata a buon fine semplicemente utilizzando l’applicazione CloudPrintingApp … per cui è probabile che la gestione delle credenziali sia stata migliorata in questa nuova versione … se il caso, quando dovrò cambiare la mia password sul mio PC Windows 10, aggiornerò questo post  😉

Tra le Windows Credentials non vengono elencate in Windows 10 quelle relative alle code di stampa

Tra le Windows Credentials non vengono elencate in Windows 10 quelle relative alle code di stampa

==================

P.S.
Non so per quale motivo, ma non si riesce a stampare direttamente dal browser Edge  utilizzando le code del CloudPrinting … prima si riusciva! Per fortuna con Internet Explore e gli altri browser non c’è problema 😉

P.S

Nota che nella pagina del Portale di Gestione Account è presente una voce che consente ora di richiedere l’Abilitazione al servizio Smart Cloud Printing per utenti esterni, quindi penso anche i consulenti!

Link per la richiesta di Abilitazione al servizio Smart Cloud Printing per utenti esterni

Link per la richiesta di Abilitazione al servizio Smart Cloud Printing per utenti esterni

 

 

==================

Questo post si aggiunge ad altri che sono specificatamente indirizzati a colleghi.🙂

PS: puoi trovare gli altri post filtrando, nella combobox a desta, sulla categoria “Aziendali”. Alcuni sono protetti da password per cui se ti interessano puoi contattarmi tramite l’email aziendale o telefonicamente.

Annunci

Informazioni su Enzo Contini

Electronic engineer
Questa voce è stata pubblicata in Aziendali, Review e test, Windows. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Come stampare con il CloudPrinting da una postazione non griffon

  1. Gianni Guglielmi ha detto:

    Ciao Enzo, dal mio Windows 10 non griffon (e non in dominio), in rete aziendale (10.) non funziona la cloud printing app, mi dà errore su tutte le code. Funziona invece il Run con il path della coda diretto (es. \\telcpps01pva01.telecomitalia.local\PVA01-1-EQ01). Grazie !! Gianni

    • Enzo Contini ha detto:

      … di nulla.
      Sul mio Windows 10 (Insider preview) la configurazione è avvenuta con successo lanciando semplicemente la Cloud Printing app, come ho mostrato nello screenshot che ho ottenuto: in particolare la procedura l’ho effettuata avendo il PC collegato alla rete dell’ufficio (la 10.) e non quella di laboratorio. Comunque ho sentito altri che, dopo aver lanciato la Cloud Printing app, hanno ricevuto un errore nella configurazione della stampante, ma erano Windows 7 per cui pensavo dipendesse dal fatto che non erano Windows 10
      Ho perciò in un secondo momento aggiornato il post per contemplare anche quel caso di errore in cui la procedura deve essere completata con il run del path delle code di stampa … soluzione che ha funzionato anche nel tuo caso. Lanciare la Cloud Printing app comunque serve per individuare i path relativi alle code di stampa presenti nell’edificio in cui uno opera
      😉

Lascia un Commento/Leave a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...